Parco archeologico di Naxos Taormina, nessuna riapertura il 18 maggio: "Bisogna attendere ancora" :ilSicilia.it
Taormina

lo ha detto la direttrice Gabriella Tigano

Parco archeologico di Naxos Taormina, nessuna riapertura il 18 maggio: “Bisogna attendere ancora”

di
16 Maggio 2020

Dalla riapertura dei cantieri, il 4 maggio, le attività destinate alla programmazione e organizzazione di tutti i protocolli di sicurezza, così come da disposizioni del Governo nazionale, dei siti culturali nello Stivale hanno dovuto fare i conti, anche, con criticità di ordine pratico che faranno slittare di qualche giorno, oltre il 18 maggio, l’inizio della loro fruizione.

Come abbiamo già detto qui ai nastri di partenza di questo tanto atteso nuovo inizio di fruizione dei luoghi che “nutrono l’anima“, in Sicilia sarebbero stati solamente tre, dei 18 parchi archeologici, quelli “pronti al via“; facendo riferimento all’ultima comunicazione ufficiale del Parco Archeologico Naxos Taormina saranno ancora meno.

Come dice la nota ufficiale “bisognerà attendere qualche altro giorno per tornare a godere della bellezza dell’arte e del paesaggio nei siti del Parco Archeologico Naxos Taormina“.

Questo ritardo, nella fattispecie, è frutto di difficoltà oggettive con le quali i tecnici delle ditte, che dovranno verificare strutture e impianti di sicurezza, devono fare tutt’oggi i conti (esempi ne sono gli spostamenti tra regioni, non ancora permessi, o la disponibilità di posti nei voli nazionali per poter raggiungere l’Isola).

Prosegue la nota: “Nonostante il tempestivo avvio dei cantieri dal 4 maggio scorso in vista della riapertura dei musei, prevista dal DPCM per lunedì 18 maggio, sono ancora in corso, in collaborazione con il concessionario Aditus, lavori e adeguamenti alle misure di sicurezza contro il contagio del covid-19. Al Teatro Antico di Taormina, monumento icona della Sicilia che in tempi “no-covid” registra grandi flussi di visitatori, si lavora per l’installazione dei tornelli per l’ingresso individuale: un filtro che distanzierà i turisti evitando assembramenti nell’area della biglietteria principale di via Teatro Greco e, a seguire, nel secondo ingresso di via Bagnoli Croce; contestualmente, nello stesso ingresso, sono ripresi i lavori dell’Enel per lo spostamento della cabina, mentre su uno dei Belvedere procede il cantiere per la trasformazione dell’edificio Ex Semaforo in una spettacolare caffetteria affacciata sul mare che, secondo il nuovo cronoprogramma post-covid, sarà pronta ad agosto. A Naxos, infine, si sta installando la nuova segnaletica lungo l’Area archeologica dell’antica polis greca”.

taormina sanificazione

A tal proposito la direttrice del Parco, l’archeologa Gabriella Tigano, ha detto: “Raccogliendo le istanze della comunità di Taormina e Giardini, duramente messe alla prova dallo stop di questi mesi, e consapevoli che la riapertura dei siti monumentali rappresenta un fattore di attrazione per rimettere in moto l’economia del territorio così fortemente legata al turismo, sia pure di prossimità in questa prima fase, ci siamo attivati da subito per gli adeguamenti previsti dalle misure anti-covid. E poiché è indispensabile garantire salute e sicurezza sia ai visitatori, che alle maestranze e ai custodi del parco, chiediamo di pazientare ancora qualche giorno in vista della riapertura che, come annunciato, prevede in particolare per Taormina l’esperienza suggestiva delle visite serali e sotto le stelle”.

Secondo le previsioni, però, dalla seconda metà di maggio tutto il sistema sarà pronto; fra le novità anti-covid messe a punto a Taormina figurano l’ingresso solo con biglietto elettronico (e lettura digitale del QRcode), misurazione della temperatura corporea e visitatori muniti di DPI (dispositivi di protezione individuali), ossia guanti e mascherina propri.

Proseguono, intanto –  fanno sapere – con cadenza periodica gli interventi di sanificazione delle aree comuni, dei reperti e delle aree espositive in tutti i siti del Parco: Museo di Naxos, Teatro Antico di Taormina e Isola Bella.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin