Parco Cassarà, Orlando trova i soldi per i carotaggi. E Ferrandelli plaude :ilSicilia.it
Palermo

Prelievo dal fondo di riserva

Parco Cassarà, Orlando trova i soldi per i carotaggi. E Ferrandelli plaude

22 Dicembre 2017

PALERMO. Dopo la riunione tecnica col consiglio della IV Circoscrizione di tre giorni fa, la Giunta Comunale oggi ha deliberato il prelievo dal fondo di riserva 2018 di una somma pari a circa 160 mila euro da destinare all’affidamento dei lavori di caratterizzazione ambientale del Parco Cassarà – area verde. “Si tratta di un passo fondamentale – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando – per l’avvio del bando pubblico per l’affidamento dei lavori di recupero del Parco Cassarà che cosi potrà tornare fruibile alla cittadinanza”.

“Stamattina l’Amministrazione ha effettuato il prelievo dal fondo di riserva dei 160.000 € necessari per effettuare i carotaggi. L’assessore Marino – scrive Ferrandelli su Facebook – ha mantenuto l’impegno preso durante la riunione al parco convocata dalla IV Circoscrizione e successiva all’ispezione dei luoghi ed all’interrogazione del movimento dei Coraggiosi. Spingeremo adesso affinché entro i primi giorni di gennaio venga pubblicata la gara per l’affidamento dei lavori di analisi del sottosuolo. Solo a conclusione delle analisi, infatti, sapremo se il parco potrà essere consegnato alla città in tempi brevi o se in caso di inquinamento del sottosuolo necessiterà una operazione imponente di bonifica. Di certo tutto il tempo perso negli anni passati e fino ad oggi non ha giovato. Oggi, però, si è scritta una pagina di buona politica in cui un’opposizione costruttiva ed attenta ed una parte dell’Amministrazione seria hanno compiuto un primo passo. Restiamo vigili ed attenti”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona