23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.50
Palermo

nominato dall'assessore Toto Cordaro

Parco delle Madonie, Ambrosetti è il nuovo direttore reggente

11 Febbraio 2019

Si è insediato oggi 11 febbraio il direttore reggente dell’Ente Parco delle Madonie, Alfredo Ambrosetti. Nominato con decreto dell’assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro, ricoprirà il ruolo apicale della macchina burocratica e amministrativa dell’Ente.

In attesa delle procedure relative al bando per la designazione del nuovo direttore, il cui precedente mandato è giunto alla scadenza naturale del contratto.

Già direttore del Cerisdi con attività di programmazione dell’attività progettuale e didattica e di gestione del personale e dell’Azienda delle Terme di Sciacca, Commissario ad acta per la redazione del Pudm (piano di utilizzazione del demanio marittimo) del Comune di Sciacca, le competenze di Ambrosetti spaziano in diversi settori: diritto amministrativo degli enti locali, settore turistico ricettivo e del marketing turistico, credito agevolato per le PMI e le cooperative in materia di diritto societario e tributario.

Attualmente è consulente dell’assessore regionale al Territorio e Ambiente e dal mese di febbraio dello scorso anno, capo della Segreteria Tecnica.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.