Parco dell'Etna: lotta alle micro-discariche nelle aree protette | FOTO :ilSicilia.it
Banner Bibo
Catania

bonifica in sinergia con il Comune di Trecastagni

Parco dell’Etna: lotta alle micro-discariche nelle aree protette | FOTO

di
16 Gennaio 2021

GUARDA LA GALLERY IN ALTO

Prosegue a pieno ritmo e con risultati encomiabili la pulizia delle aree boschive nel territorio del Parco dell’Etna. L’Amministrazione Comunale di Trecastagni guidata dal sindaco Giuseppe Messina continua così a dimostrare concreto impegno nella lotta alle micro-discariche disseminate nell’area protetta.

Dopo la recente giornata ecologica che ha visto il coinvolgimento di decine e decine di volontari, l’Amministrazione ha inteso dare seguito e ulteriore vigore al programma di interventi che ha l’intento di contrasto all’inciviltà e di tutela dell’ambiente dalla mano irresponsabile di chi, invece, dimostra troppo spesso di non avere a cuore l’ambiente.

Si è in questo modo posto in atto un lodevole ed incisivo lavoro di squadra che ha impegnato la casa municipale ed il Parco, dal sindaco Messina, all’assessore all’ambiente Rosario Di Stefano, il vicesindaco Edmondo Pappalardo e tutta la squadra di Giunta e i vertici del parco sovrintesi dal presidente Carlo Caputo.

Si punta, insomma, alla salvaguardia di una vasta area di alto valore ambientale e strategico per la Sicilia come il Parco dell’Etna, che a suo tempo è stato il primo ad essere istituito tra i Parchi siciliani nel 1987.

Un patrimonio che si intende tutelare e all’interno del quale ricadono circa 59000 ettari nel contesto di un ambiente naturale unico e di uno straordinario paesaggio che circonda il vulcano attivo più alto d’Europa.

Il Parco guidato dal presidente Caputo, d’intesa con i comuni nei quali ricade il perimetro dell’ente, vuole promuovere un’azione programmatica ed operativa sinergicamente volta allo sviluppo ecocompatibile del territorio e delle comunità locali, in un’ottica di valorizzazione di un “pezzo” importante di Sicilia.

Purtroppo in diverse occasioni tra i suoi boschi, si insinua la mano di alcuni soggetti che sporcano l’habitat e per questo si sta cercando di imprimere una stretta su chi compie questa azioni.

Per questo si stanno intensificando le attività dedite alla salvaguardia dei boschi ma anche dei sentieri, degli irripetibili panorami, in un contesto nel quale regna la bellezza della natura e sono poi protagonista i prodotti tipici, i centri storici dei suoi comuni, il Parco è in ogni stagione dell’anno un accattivante invito per i viaggiatori e gli amanti della natura,

Ricadono nel territorio del Parco, ricordiamo, 20 comuni (Adrano, Belpasso, Biancavilla, Bronte, Castiglione di Sicilia, Giarre, Linguaglossa, Maletto, Mascali, Milo, Nicolosi, Pedara, Piedimonte Etneo, Ragalna, Randazzo, Santa Maria di Licodia, Sant’Alfio, Trecastagni, Viagrande, Zafferana Etnea), con una popolazione di circa 250 mila abitanti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco