Parità di genere, PD Sicilia deposita all’Ars disegno di legge su equità salariale :ilSicilia.it

La proposta del partito democratico

Parità di genere, PD Sicilia deposita all’Ars disegno di legge su equità salariale

di
20 Maggio 2021

“Il presupposto di partenza è rappresentato dalla constatazione che senza parità di genere non può raggiungersi un sistema equo di cittadinanza e convivenza, né può esserci un reale sviluppo socio-economico del territorio. È la parità tra i sessi, in ogni settore in cui si sviluppa la personalità umana, l’unica strada per ridisegnare un nuovo modello di società basato su equilibrati rapporti tra donne e uomini”.

Lo dichiara il deputato e segretario regionale del PD Sicilia, Anthony Barbagallo annunciando il deposito all’ARS, nei giorni scorsi, del disegno di legge  “Disposizioni per la promozione della parità retributiva tra i sessi, il sostegno all’occupazione e all’imprenditoria femminile di qualità, nonché per la valorizzazione delle competenze delle donne”.

Il testo del ddl del Partito Democratico – sottoscritto da tutti i deputati del gruppo del Partito Democratico all’Assemblea regionale siciliana – è composto di 20 articoli suddivisi in VI capitoli, sulla falsariga di quanto già legiferato in materia dalla Regione Lazio, guidata da Nicola Zingaretti.

Il disegno di legge infatti – spiega il segretario regionale del PD Sicilia – prevede norme per la promozione della parità retributiva tra i sessi, il sostegno all’occupazione e all’imprenditoria femminile di qualità, nonché per la valorizzazione delle competenze delle donne non soltanto in ambito professionale ma anche dal punto di vista della presenza negli organi di governo, sia regionale sia degli Enti locali”.

Un argomento, quest’ultimo, particolarmente sentito dal Partito Democratico così come la battaglia per l’attuazione della preferenza di genere – se si considera che l’esecutivo regionale guidato da Musumeci si distingue per l’assoluta assenza di donne in giunta, colmata solo in parte – ma in modo insufficiente – dalla nomina di Daniela Baglieri alla guida dell’assessorato Energia.

Per il Partito Democratico questo argomento ha la priorità assoluta –dice ancora Barbagallo -: “Su quattro posti di lavoro perduti dall’inizio della crisi determinata dall’emergenza Covid, 3 sono donne. In Sicilia sono 8000 i lavoratori che hanno perso il posto, di questi 6000 sono donne: un’emorragia che dobbiamo contrastare, e compensare, senza perdere altro tempo prezioso”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin