19 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.35
Palermo

Ieri in onda su Rai 3

Parla la figlia di Riina: “Il tesoro di mio padre esiste” [VIDEO]

2 Febbraio 2018

ROMA – “Il tesoro di mio padre? Probabilmente c’è, ma io non ne so niente, non so se lo custodisca Matteo Messina Denaro, non mi interessa”. Parla così Maria Concetta Riina, figlia di Totò Riina, il capo dei capi di Cosa nostra morto lo scorso 17 novembre, nell’intervista esclusiva di Walter Molino per M, il programma di Michele Santoro in onda ieri sera alle 21.15 su Rai Tre.

Nel corso della puntata, un reportage sul misterioso patrimonio segreto del boss. Che fine ha fatto il tesoro di zù Totò? Dov’è nascosto? Chi lo custodisce? Il Tribunale di Palermo ha sequestrato pochi mesi fa alla famiglia Riina beni per 1,5 milioni di euro. Nel decreto di sequestro c’è un riferimento ad alcune intercettazioni tra Tony Ciavarello, marito di Maria Concetta Riina, e un misterioso cittadino polacco, Gregory Drzewinski. Secondo la figlia di Riina, si tratta di un fan del vecchio boss. Ma gli investigatori sospettano altro.

“Noi avevamo una piccola azienda a conduzione familiare a Lecce – ha spiegato Maria Concetta Riina – messa in piedi grazie al lavoro di mio marito. Ci hanno sequestrato tutto e l’hanno fatta fallire. Se lo Stato ce lo consente vorremmo solo fare le cose nostre“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.