Parla la figlia di Riina: "Il tesoro di mio padre esiste" [VIDEO] :ilSicilia.it
Palermo

Ieri in onda su Rai 3

Parla la figlia di Riina: “Il tesoro di mio padre esiste” [VIDEO]

di
2 Febbraio 2018

ROMA – “Il tesoro di mio padre? Probabilmente c’è, ma io non ne so niente, non so se lo custodisca Matteo Messina Denaro, non mi interessa”. Parla così Maria Concetta Riina, figlia di Totò Riina, il capo dei capi di Cosa nostra morto lo scorso 17 novembre, nell’intervista esclusiva di Walter Molino per M, il programma di Michele Santoro in onda ieri sera alle 21.15 su Rai Tre.

Nel corso della puntata, un reportage sul misterioso patrimonio segreto del boss. Che fine ha fatto il tesoro di zù Totò? Dov’è nascosto? Chi lo custodisce? Il Tribunale di Palermo ha sequestrato pochi mesi fa alla famiglia Riina beni per 1,5 milioni di euro. Nel decreto di sequestro c’è un riferimento ad alcune intercettazioni tra Tony Ciavarello, marito di Maria Concetta Riina, e un misterioso cittadino polacco, Gregory Drzewinski. Secondo la figlia di Riina, si tratta di un fan del vecchio boss. Ma gli investigatori sospettano altro.

“Noi avevamo una piccola azienda a conduzione familiare a Lecce – ha spiegato Maria Concetta Riina – messa in piedi grazie al lavoro di mio marito. Ci hanno sequestrato tutto e l’hanno fatta fallire. Se lo Stato ce lo consente vorremmo solo fare le cose nostre“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.