Parla Renato Cortese: "Palermo è cambiata ma Cosa nostra è come un virus" :ilSicilia.it
Palermo

Le parole del Questore

Parla Renato Cortese: “Palermo è cambiata ma Cosa nostra è come un virus”

di
24 Maggio 2020

Quando arrivai a Palermo, una decina di giorni dopo la strage Borsellino, trovai una città impietrita, impaurita. Ventotto anni dopo, Palermo è cambiata, è piena di vita. E, soprattutto, la mafia delle stragi è stata sconfitta. Ma la mafia è come il virus, che in certe zone ancora resiste. E il contagio è dietro l’angolo“. Lo afferma in un’intervista al quotidiano La Repubblica Renato Cortese, questore di Palermo.

Per Cortese “è ancora presto per capire cosa accadrà davvero nell’organizzazione, che è in difficoltà, fiaccata da arresti e sequestri. Ma quei mafiosi degli anni Ottanta tornati in città e ormai sdoganati potrebbero voler ricostituire vecchi equilibri. E, intanto, sono stati accreditati nuovamente nell’organizzazione con ruoli strategici“. Il questore ribadisce: “Palermo è cambiata. Perché lo Stato ha saputo dare una risposta importante alla violenza di quei giorni del 1992. E questo ha consentito ai cittadini di recuperare fiducia nei confronti delle istituzioni e di togliere consenso sociale alla mafia. Cosi’, i commercianti non sono più disposti a pagare il pizzo e denunciano. La gente vuole vivere una vita finalmente normale“.

Nel 1996 Cortese faceva parte della squadra che arrestò il boss Giovanni Brusca. “Quella sera del 20 maggio – racconta –, ero nella sala intercettazioni della Mobile, da lì seguivo i miei uomini ad Agrigento. Un ispettore ebbe l’idea di fare passare una moto smarmittata proprio mentre Brusca era al telefono. In questo modo, individuammo il suo covo. Quando facemmo irruzione, stava vedendo un film su Giovanni Falcone“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.