Parlamento europeo accusa la Russia di "esportazione illegale" di oggetti d'arte :ilSicilia.it

Parlamento europeo accusa la Russia di “esportazione illegale” di oggetti d’arte

di
26 Novembre 2018

Diversi sono gli aspetti di aggressione nei confronti del nostro patrimonio culturale, bisogna preservarlo, non solo dal deterioramento ma, soprattutto, dalla distruzione, sottrazione ed esportazione illegale (anche con acquisti on line).

Questa esportazione, avviene con la complicità di storici o professionisti dell’arte, che rilasciano degli attestati, una sorta di carta d’identità falsata dell’opera, che insieme ad ulteriori certificati assai ambigui vengono dichiarati in dogana, diventano così tutto lecitamente commerciabili.

Il traffico illecito di oggetti d’arte è in costante espansione, un dato importante nella intera comunità internazionale, che porta il fenomeno tra i mercati più lucrativi al mondo e di conseguenza una delle principali cause della dispersione del patrimonio culturale globale.

Recentemente l’Unione Europea, ha accusato la Russia di possedere illegalmente opere d’arte, presumibilmente rubate durante la seconda guerra mondiale, in diversi paesi dell’Europa.

Nello specifico, l’accusa da Bruxelles è di “esportazione illegale” di beni culturali dalla Crimea, che sono parte del patrimonio culturale dell’Ucraina” ed ha invitato il comitato parlamentare per gli affari legali a prendere misure per fermare l’esportazione illegale da parte delle autorità russe e delle sue istituzioni culturali di mostre che fanno parte del patrimonio culturale dell’Ucraina.

Il Consiglio di Stato della Crimea, ha definito le accuse contro la Russia illegittime, perchè gli oggetti storici della regione, come la stessa penisola, non appartengono all’Ucraina.

Un po’ come dire che non si può essere ladri a casa propria. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.