Parma, in arrivo il deferimento dopo la partita con lo Spezia. Nuove speranze per il Palermo :ilSicilia.it

Per i rosanero si potrebbe ribaltare la situazione

Parma, in arrivo il deferimento dopo la partita con lo Spezia. Nuove speranze per il Palermo

di
19 Giugno 2018

Grande paura per il Parma, la situazione sembra avere preso la giusta direzione, infatti, secondo indiscrezioni, che i fatti poi dovranno acclarare, ed è diventata sempre più delicata, per la prossima stagione, la conferma della promozione in serie A.

Nel mirino sono finiti i messaggi whatsapp che si sarebbero i calciatori del Parma con quelli dello Spezia. Ma nonostante ciò sembrava, per la gioia dei molti corvi che non amano il Palermo o i piuttosto delusi dall’andazzo della giustizia spesso bendata, che l’archiviazione della vicenda fosse certa.

Ma adesso qualcosa sembra aver fatto prendere la corretta direzione, complice, forse, le vicende illecite della partita Frosinone-Palermo, e la situazione si è completamente ribaltata, secondo quanto riporta la ‘rosea’, i deferimenti dovrebbero scattare entro le prossime 48 ore.

Nel pomeriggio si dovrebbe tenere la riunione con il procuratore federale, Giuseppe Pecoraro: c’è da stabilire il capo d’imputazione.

Due le possibilità: slealtà sportiva (art. 1 bis del codice) o tentato illecito sportivo (art. 7).

La slealtà sportiva oppure il gravissimo illecito sportivo, ma solo tentato, perchè i calciatori dello Spezia De Col e Masi hanno subito ‘denunciato’ il fatto di  Calaiò e Ceravolo, che adesso rischiano una squalifica pesantissima.

Se passerà la linea più colpevolista, i due giocatori e il Parma, coinvolti per responsabilità oggettiva, dovranno difendersi da un’accusa che potrebbe costare una lunga squalifica agli atleti e la A al club.

Nel secondo caso il Parma rischierebbe seriamente una sanzione che nel caso “verrà scontata nel campionato appena concluso”. La squadra ha di fatto chiuso il campionato con lo stesso punteggio del Frosinone, che ha però già conquistato la promozione sul campo attraverso i playoff, a beneficiarne in questo caso sarebbe il Palermo, che ha concluso la stagione al quarto posto ed è stato eliminato ai playoff proprio in finale dal Frosinone.

L’avvocato Grassani, esperto in materia di diritto sportivo, ha affermato: “In caso di illecito tentato, il target può essere da 4 a 6 punti, con possibilità di aggravamento in caso di pluralità di partite. Se, invece, l’illecito è consumato i punti vanno da 6 a 9, anche in questo caso con inasprimento in ipotesi di più gareQuindi, la sanzione minima, prevista dal Codice di Giustizia Sportiva, è la penalizzazione di punti in classifica, ma gli organi disciplinari possono infliggere punizioni anche più pesanti, quali la retrocessione all’ultimo posto del campionato o l’esclusione dalla competizione“.

Si profila dunque uno scenario clamoroso, in entrambi i casi Parma in B e Palermo in A, ed una pesante squalifica per Calaiò e Ceravolo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.