Partorisce la donna somala positiva al coronavirus: "Attendiamo il tampone sul bambino" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Nel Covid Hospital di Palermo

Partorisce la donna somala positiva al coronavirus: “Attendiamo il tampone sul bambino” | VIDEO

di
1 Agosto 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Ha partorito oggi la donna somala positiva al Coronavirus ricoverata all’ospedale Cervello di Palermo.

Le condizioni di salute di madre e figlio sono attualmente stabili. I soggetti erano tra i due casi Covid positivi considerati come i più delicati fra i sei pazienti ricoverati nel reparto di malattie infettive (adesso sette, dopo la positività della collega della ragazza di 26 anni).

Si dovranno attendere le prossime ore per l’esito del tampone nasale fatto sul neonato appena dopo il parto, questo stabilirà se anche il bambino sia positivo o meno al virus.

La donna sta bene, adesso sarà nostra premura contattare un interprete per poter gestire al meglio la comunicazione con la paziente per poterle spiegare il decorso post parto contestualmente alla positività al Covid– afferma Salvo Siciliano dirigente medico della direzione medica del presidio Cervello- aspettiamo l’esito del tampone sul neonato e in seguito se le condizioni lo permetteranno, dopo le 48 ore di degenza, saranno trasferiti entrambi al San Paolo Hotel, residenza destinata alla permanenza post ospedaliera. Lì ad attenderli ci saranno il marito e l’altro figlio“.

La donna era ricoverata presso il reparto di malattie infettive, così come gli altri pazienti affetti da Covid-19, i quali però non hanno riscontrato degenerazioni tali da dover essere sottoposti ai trattamenti della terapia intensiva. “Il quadro clinico generale risulta abbastanza stabile, nessuno di loro riscontra aspetti preoccupanti, in particolar modo quattro di loro stanno progredendo, anche se lentamente, verso la guarigione– continua il dott. Siciliano- adesso i casi sono in tutto sette, un numero che desta preoccupazione se si pensa che il mese scorso erano solo la metà, dobbiamo continuare a tenere a mente le norme igienico-sanitarie, per poter evitare il più possibile il contagio, usando la mascherina in modo appropriato e in luoghi affollati, soprattutto mantenendo ancora la distanza sociale. Solo in questo modo impediremo ulteriori contagi”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.