Pasqua: a Brancaccio la rappresentazione vivente della Passione di Cristo :ilSicilia.it
Palermo

Domenica 14 aprile 2019, a partire dalle 16,30

Palermo, a Brancaccio la rappresentazione vivente della Passione di Cristo

12 Aprile 2019

Una grande rappresentazione vivente della Passione, Morte e Risurrezione di Gesù, si terrà domenica 14 aprile 2019, a partire dalle 16,30. L’iniziativa, voluta dalla parrocchia San Sergio I Papa è alla sua ottava edizione ed è organizzata con la collaborazione dell’associazione di volontariato “Elia, il Profeta” e la partecipazione di circa 60 persone e di almeno 100 fedeli come figuranti.

È frutto dell’impegno e della sinergie tra i soggetti coinvolti, che con amore, passione e spirito di dedizione, vogliono rendere l’evento anche un’occasione di raccoglimento e di preghiera.

Il corteo parte, alle 16,30, dalla Parrocchia San Sergio I Papa in Corso dei Mille 1070, e si snoderà per le vie del quartiere con Gesù caricato della Croce. Alla fine del percorso, le commoventi scene della Crocefissione e della Deposizione, per concludersi con l’apparizione agli apostoli, in una luce sfolgorante del Cristo Risorto.

La rievocazione è la realizzazione di un copione originale, accompagnato da brani musicali appositamente scelti per scandire e sottolineare ogni scena. La manifestazione, che percorre la scia delle tradizioni popolari, culturali e religiose, dà un senso di appartenenza alla comunità e al quartiere perché salda adulti, giovani e ragazzi in un progetto e un obiettivo comune, così da diventare anche un’opera per migliorare la comunità.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.