Pasqua a Palermo, musica e cultura all'Auditorium Rai :ilSicilia.it
Palermo

il 19 e il 20 aprile

Pasqua a Palermo, musica e cultura all’Auditorium Rai

di
15 Aprile 2019

Venerdì e sabato, 19 e 20 aprile, all’Auditorium Rai di Palermo due imperdibili appuntamenti tra musica e cultura per augurarvi una buona Pasqua.

Il 19 aprile alle 18, sarà presentato il libro di poesie “Gocce” di Lavinia Alberti, Edizioni Controluna, con le musiche di Nicolò Renna eseguite dallo stesso autore. Lavinia Alberti è nata a Torino nel 1991, ma di fatto è di Palermo, città nella quale ha studiato. Ha una formazione umanistica e una passione per il giornalismo, la musica, la fotografia, la poesia e l’arte in tutte le sue declinazioni. Si è laureata in lettere moderne e in teatro, cinema e spettacolo multimediale all’Università di Palermo. Ha frequentato un master all’Università di Parma in comunicazione e giornalismo.

gocce - lavinia albertiGocce” è la sua prima raccolta di poesie. “L’intento è quello di trasmettere un frammento della mia anima, del mio mondo interiore, che percepisco come molto più vasto di quello esteriore (un po’ come un pozzo in cui a primo impatto si coglie solo l’esterno della muratura, poi sporgendosi un po’, la sua profondità smisurata che si perde nel buio) – dichiara la scrittrice – La stesura di queste poesie mi ha dato l’opportunità di conoscermi meglio, di esplorare il buio e la luce dentro di me (proprio come il pozzo poc’anzi citato); mi ha permesso di riflettere e comprendere con una maggiore consapevolezza e saggezza, che tutto ciò che ci accade ha una funzione e una ragione ben precisa, finalizzata alla nostra crescita interiore, anche se noi non riusciamo a comprenderla immediatamente” 

La poesia conclude Lavinia – rappresenta una terapia dell’anima, un cantuccio in cui rifugiarmi quando il mondo sembra non comprendermi, un luogo simbolico nel quale posso riversare in ogni momento della mia vita tutto ciò che sento. In Gocce c’è tutto questo”.

Anche Nicolò Renna, classe 1981, è nato a Palermo. Si è diplomato in chitarra classica presso il conservatorio di musica Vincenzo Bellini di Palermo col massimo dei voti. Ha conseguito la laurea di II livello in didattica della musica e inoltre un master universitario di II iivello in tecnologie informatiche applicate alla musica con stage finale presso il CPM di Milano. “Musicista di ampi orizzonti e di prestigiose esperienze”  –  così lo ha definito  Gigi Razete di Repubblica – ha collaborato con Ruggiero Mascellino, Tosca e Peppe Servillo degli Avion Travel), Renna, oltre ad essere virtuoso d’ogni tecnica chitarristica, ha sviluppato un linguaggio parecchio lussureggiante che ingloba classica, etnojazz e world music. Esegue un repertorio di proprie composizioni, tra cui “Breathing” e “Sonata in E major”, entrambe rappresentative dell’ampiezza del suo stile.” 

bachstringquintetSabato 20 aprile alle 21, sul palco dell’audirorium si esibiranno la BachSrtingQuintet e il Live Singers Quartet. Il concerto, organizzato da Campus della Musica con la direzione artistica di Matilde Buttitta e la direzione musicale del M° Salvatore Petrotto fondatore del BachStringOrchestra e Live Choir Academy, eseguirà un repertorio classico-leggero, swing e brasiliano, arricchito dalla presenza di artisti come i campioni nazionali di tango Fabio La Barbera e Emanuela Auteri che si esibiranno sulle note di “Esqualo” e “Libertango” di Astor Piazzolla, e la piccola Chiara Milici, ballerina di 8 anni che aprirà il concerto accompagnata da solo piano con il brano Evgeni’s Waltz  di Abel Korzeniowski.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.