Pasquetta: scampagnata e trekking naturalistico a Ucria, nel Parco dei Nebrodi :ilSicilia.it
Messina

7 km, 4 ore, 15 euro

Pasquetta: scampagnata e trekking naturalistico a Ucria, nel Parco dei Nebrodi

di
24 Marzo 2018

2 aprile 2018: Pasquetta a Monte Cúculo e Rocca di San Marco – Ucria (Me) – Parco dei Nebrodi

Lunedì di Pasqua, 2 aprile 2018, tutti sui Nebrodi, con un Trekking naturalistico nel “polmone verde” della Sicilia e con #CamminaconPaolina.
Percorreremo la storia di quest’area Nebroidea attraversando un lungo tratto di quella che fu la Regia Trazzera, antichissima via di comunicazione, che collegava dall’interno i centri montani e toccheremo con mano gli antichi edifici rupestri, i Tholos, chiamati comunemente Cubburi, utilizzati anche in epoca recente come ricoveri per pastori.
Raggiunta la vetta di Monte Cúculo, 1.301 metri, si potrà godere di un panorama a 360°, Eolie, Etna, Peloritani e anche Madonie.

“Scampagnata a Piano Campo”.
Nel pomeriggio visita obbligata alla mitica Rocca di San Marco, gigantesco monolite dalle caratteristiche forme “a nido d’ape”.

APPUNTAMENTO
Ore 9:30 al bivio di via Santa Caterina, Ucria (Me)
Lunghezza: 7km
Difficoltà: medio/facile (E)
Durata: 4 ore

IMPORTANTE: Comunicare la propria partecipazione entro domenica 1 aprile. Con scarpe da trekking e bastoncini è meglio! La giornata potrà subire variazioni anche in corso d’opera a causa di problemi tecnici e/o condizioni climatiche avverse. Prezzo per persona: 15 euro per il servizio guida AIGAE.

Per info e prenotazioni contattare Paolina: 393.2931698 / pao.scalisi@gmail.com

Oppure un messaggio diretto su Facebook qui: https://www.facebook.com/events/154798075202779/

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.