Passante di Palermo, si complica tutto: la Sis non completerà alcune opere :ilSicilia.it
Palermo

Ma per RFI non c'è il rischio incompiuta

Passante di Palermo, si complica tutto: la Sis non completerà alcune opere

di
28 Maggio 2018

Si complica la strada per il completamento del “Raddoppio del Passante Ferroviario di Palermo”. L’opera da 1,2 miliardi di euro, oggi completa al 90%, “sarà parzialmente realizzata”. Questa la notizia emersa oggi nell’incontro fra Filippo Palazzo, responsabile territoriale di Rfi e Ignazio Baudo segretario Feneal Uil Palermo, Paolo D’Anca segretario generale aggiunto Filca Cisl Sicilia e Francesco Piastra, segretario generale Fillea Cgil Palermo. I sindacati insieme ai lavoratori hanno manifestato salendo sul treno che collega la stazione Notarbartolo alla stazione Centrale di Palermo, dove sono stati ricevuti dai vertici di Rfi.

“L’opera complessiva non sarà terminata dalla Sisaffermano Baudo, D’Anca e Piastra – perché i lavori relativi alle stazioni Kennedy-Capaci, Belgio e Lazio saranno riappaltati. Rfi si è fatto garante del completamento del passante, attraverso una serie di clausole previste nel crono programma che sarà firmato stasera con la Sis”.

sisFeneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil hanno inoltre protestato sotto la sede della Sis di Palermo, chiedendo un incontro ai rappresentanti aziendali. “Domani le maestranze sciopereranno – dichiarano Baudo, D’Anca e Piastra – perché in assenza di certezze sul loro futuro non è ammissibile andare avanti. Sis ci convochi per discutere dei licenziamenti”.

Il 30 maggio Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil manifesteranno a piazza Indipendenza a Palermo, davanti a Palazzo d’Orleans. “Il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci e l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone – affermano Baudo, D’Anca e Piastra – ci incontrino per fare chiarezza sul passante ferroviario e sulle altre incompiute siciliane”.

La situazione oggi è un po’ caotica, perché dopo la guerra a colpi di comunicati stampa, tra Regione, Sindacati e Ferrovie, si è generato solo un gran polverone. Rfi continua ad assicurare che il “collegamento con l’aeroporto di Punta Raisi sarà ultimato entro l’estate. L’opera non sarà un’incompiuta. Su questo non transigiamo: i fondi per completarla ci sono e con la Sis l’accordo è stato trovato, ed i lavoratori continuano a lavorare. Da luglio – spiega Palazzo a ilSicilia.it – ci sarà un calo fisiologico poiché i lavori vanno a finire”. Ma allo stesso tempo si dice che, le fermate Belgio e Kennedy-Capaci non saranno attivate per il momento. E sarà stralciata dal contratto la fermata Lazio del passante, che sarà riappaltata.

Gli edifici di vicolo Bernava (01.12.2015)
Gli edifici di vicolo Bernava (01.12.2015) © D. G.

Ancora più incerto è il futuro per la galleria Imera-Lolli della Tratta A, quella bloccata da 4 anni a seguito del famoso “tappo” di Vicolo Bernava“Gli edifici saranno demoliti dalla SIS – assicura Palazzo – così come la messa in sicurezza dei palazzi limitrofi. Per lo scavo dei 58 metri di galleria, stiamo verificando le condizioni per farla ultimare a SIS…”

Insomma, le acque sembrano ancora agitate tra le due parti. E la battaglia legale ancora aperta a Roma non ha fornito un giudizio definitivo.

Tbm Marisol - Notarbartolo, Passante FSFinora sono stati eliminati ben 22 passaggi a livello e create nuove arterie stradali importanti (via Lodato che porta al Civico; via Giovanni Spadolini, che collega le vie La Malfa-Scalea; la rotonda Norman Zarcone a Brancaccio; un nuovo sottopasso a Isola delle Femmine). Sull’enorme ritardo pesa la variante alla “Tratta B” (Notarbartolo-Begio, che prevede l’uso della talpa TBM Marisol, anziché o scavo tradizionale) che è partita nel 2013 anziché nel 2008; e in più il famoso “imprevisto geologico” di Vicolo Bernava.

La strada sembra ancora lunga e tortuosa. Non resta che incrociare le dita…

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.