Passante ferroviario di Palermo, un tavolo di lavoro sulla vertenza :ilSicilia.it
Palermo

Stamani il sit in dei lavoratori

Passante ferroviario di Palermo, un tavolo di lavoro sulla vertenza

25 Ottobre 2018

Un tavolo di lavoro permanente Regione-sindacati per risolvere la vertenza del passante ferroviario di Palermo, completare l’opera con il raddoppio ferroviario in tempi brevi e salvare i 216 posti di lavoro degli operai della Sis. Si è insediato oggi all’assessorato regionale alle Infrastrutture, dove da stamani hanno protestato con un sit in, in via Leonardo Da Vinci a Palermo, gli operai della ditta appaltatrice dell’opera. A margine della manifestazione organizzata in concomitanza con lo sciopero dei lavoratori, dalle federazioni degli edili Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil e alla quale, a sostegno della vertenza, hanno partecipato anche Cgil, Cisl, Uil, si è svolto l’incontro fra l’assessore Marco Falcone i segretari confederali Enzo Campo Cgil Palermo, Leonardo La Piana Cisl Palermo Trapani e Gianni Borrelli Uil Palermo, i segretari di categoria Ignazio Baudo Feneal Uil, Paolo D’Anca Filca Cisl e Francesco Piastra Fillea Cgil.

“Con l’apertura del tavolo alla Regione – spiegano Baudo, D’Anca e Piastra – e con il ruolo di intermediazione che l’assessorato si è assunto l’impegno di svolgere fra Rfi e Sis sulla trattativa che riguarda i costi del passante ferroviario affinché si termini presto l’opera,  ci auguriamo che la vertenza possa trovare una soluzione positiva, tanto per i  216 lavoratori che rischiano il licenziamento per l’ennesima procedura avviata dall’azienda, quanto per la collettività perché la scelta di stralciare il 5 per cento dei lavori per terminare l’infrastruttura e avviare un nuovo bando, è un costo che la città non può permettersi. Dopo anni di lavori, Palermo non può restare con il binario unico”. Domani la Regione dovrebbe incontrare i vertici nazionali di Rfi. Intanto il tavolo di oggi è servito ad avviare un dialogo fra i sindacati e la Regione su tutte le opere  e i cantieri attesi nel territorio di Palermo e provincia, dove l’assessorato può svolgere un ruolo fondamentale.

“Il raddoppio del passanteferroviario – spiegano Campo, La Piana  e Borrelli   deve diventare simbolo della vertenza edilizia nel territorio palermitano che come Cgil Cisl Uil rilanciamo da oggi per far sì che tanti progetti attesi,  come il collegamento ferroviario nella tratta Cefalù-Ogliastrillo, quello stradale Palermo-Agrigento, la manutenzione delle fognature in città, l’edilizia abitativa e quella scolastica per la sicurezza degli edifici, possano essere finalmente avviati per dare ossigeno al settore che in passato era volano dell’economia palermitana”.

 

Leggi anche:

Licenziamenti Sis: proteste per salvare il Passante di Palermo

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.