Passante Fs. Ufficio del lavoro dà ragione ai sindacati, slittano i 200 licenziamenti. Ma la Sis non demorde :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti
Palermo

Accolto il ricorso di Fillea, Filca e Fenal. Ma la vertenza rimane aperta

Passante Fs. Ufficio del lavoro dà ragione ai sindacati, slittano i 200 licenziamenti. Ma la Sis non demorde

di
8 Febbraio 2017

L’ufficio provinciale del lavoro dà retta ai rilievi mossi dai sindacati degli edili (Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil) e sospende così i 200 licenziamenti annunciati dal consorzio Sis, a lavoro per il raddoppio del Passante ferroviario di Palermo.

Rinviata così la convocazione del 15 febbraio in cui si sarebbero dovuti discutere i licenziamenti, che slittano ma che al momento restano confermati: la Sis ha già avviato una nuova procedura, dopo che la precedente, così come ritenevano i sindacati, non è stata ritenuta valida.

“È un risultato che consente di avere più tempo per affrontare la vertenza. Ma i licenziamenti sono sempre pendenti. Il rinvio non risolve il problema ma lo sposta solo in avanti – affermano i segretari di Feneal Uil Ignazio Baudo e Fillea Cgil Francesco PiastraL’ufficio provinciale del lavoro ha preso atto che la manovra della Sis era una forzatura e ha dato ragione a noi. Ma resta alto l’allarme sociale e la preoccupazione per l’incertezza e la continuità dell’opera”.

sis-assemblea

Venerdì mattina, dalle 7 alle 9, al cantiere del passante di viale Francia si terrà un’altra assemblea per informare i lavoratori e decidere le iniziative da adottare. “È più che mai urgente – affermano Baudo e Piastra – un incontro tra Sis, organizzazioni sindacali e stazione appaltante per fare chiarezza sullo stato dei lavori, sulla reale intenzione dell’azienda di portare a compimento l’opera e sul fatto, se il lavoro va avanti, i licenziamenti nei termini posti dall’azienda sono inaccettabili. Assieme ai lavoratori in assemblea decideremo come continuare la vertenza”. Rimane in piedi anche la richiesta di un incontro urgente tra ministero Infrastrutture, Sis, Rfi e Regione siciliana. “Attendiamo che anche la Regione – continuano Baudo e Piastra – dica la sua e si assuma le sue responsabilità”.

Sulla questione anche il deputato 5 stelle Riccardo Nuti ha presentato un’interrogazione a risposta scritta del governo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti