20 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.47
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

Un primo della tradizione da leccarsi i baffi

Pasta con le patate ed è subito casa [La ricetta]

26 novembre 2018

Pasta con le patate ed è subito casa. Dico questo perché da bambina c’era un venditore di patate che, passando per le strade, cantava: “Cu mancia patati un mori mai, cu mancia patati un mori mai” e questa cantilena, che entrava così prepotentemente e allo stesso tempo dolcemente nelle case, faceva sì che il tubero, che per questa nenia regalava l’eternità,  venisse cucinato in mille differenti modi. Oggi, dopo tanto tempo, ritornano le ricette di “Mamma Holmes” che ha scelto, per il suo rientro, la succulenta pasta con le patate, un primo piatto ricco di carboidrati e, per questo motivo, perfetto nei mesi  in cui il freddo si fa sentire. Pochi gli ingredienti, facile la preparazione e buonissimo il gusto. Sentite già il profumo? Questo vuol dire che è tempo di cucinare.

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr di ditalini
  • 300 gr di patate pelate e tagliate a cubetti
  • 1 carota tagliata a cubetti
  • una cipolla
  • 1\2 bicchiere di olio extravergine di oliva
  • 1 dado vegetale
  • 1\2 bicchiere d’acqua
  • sale q.b.
  • pecorino grattugiato

Procedimento:

Pelate le patate e tagliatele a cubetti.

In una padella scaldate l’olio, fate imbiondire la cipolla affettata sottilmente, aggiungete la carota e le patate tagliate a cubetti.

Mescolate, unite il dado e l’acqua. Coprite con il coperchio e cuocete a fuoco bassissimo fino a che le patate e la carota non si siano ammorbidite.

Lessate i ditalini, scolateli al dente, versateli sul condimento e spadellate per qualche secondo.

Servite con una generosa spolverata di pecorino grattugiato.

La pasta con le patate è pronta per essere mangiata.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.