18 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.02

Scritta, cotta e mangiata

“Pasta Tricolore”, il 2 giugno è festa anche per il palato [La ricetta]

2 Giugno 2019

Il 2 giugno è la Festa della Repubblica italiana, che si celebra in questa giornata perché,  tra il 2 e il 3 giugno 1946, si tenne il referendum con cui gli italiani scelsero di far diventare l’Italia una Repubblica costituzionale, abolendo la monarchia dei Savoia, (anche se molti ancora oggi sospettano di brogli, parlando di “pacchi di fogli già compilati con la croce per la Repubblica”), e noi abbiamo deciso di proporvi la “Pasta Tricolore“-

E’ una giornata importante, ricca di iniziative e cerimonie ufficiali che prevede la deposizione di una corona d’alloro, presso l’Altare della Patria, al Milite Ignoto, simbolo di tutti i caduti in guerra e che non sono mai stati riconosciuti; una parata militare alla presenza delle più alte cariche dello Stato, tra cui il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio e i Ministri e che ha uno dei suoi momenti più spettacolari nell’esibizione delle Frecce Tricolori: dieci aerei, di cui nove in formazione e uno solista, che compongono la pattuglia acrobatica più numerosa del mondo.

Eccovi la nostra ricetta, tanto buona quanto facile.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di fusilli
  • pomodorini
  • aglio
  • basilico
  • mozzarella
  • pesto
  • olio extravergine
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Procedimento:

1.In una padella fate imbiondire l’aglio con un filo d’olio extravergine, versate i pomodorini tagliati a metà e condite di sale e pepe.

2.Per il pesto scegliete se farlo o, essendo un giorno di festa, comprarne uno già pronto, in commercio ce n’è di buonissimi.

3. Lessate i fusilli in acqua bollente e salata e, appena cotti, preparate il vostro piatto come se fosse la bandiera italiana: una parte di fusilli li condirete con il pesto e le foglie di basilico, un’altra con la mozzarella tagliata a dadini e un’altra ancora col sugo rosso dei pomodorini.

Il nostro primo tricolore è pronto da mangiare.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.