Pastori sardi, Donato (Lega): "Hanno diritto di protestare" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

La nota

Pastori sardi, Donato (Lega): “Hanno diritto di protestare”

di
31 Ottobre 2020

“La notizia della richiesta di rinvio a giudizio per le decine di pastori sardi, protagonisti
delle accese proteste di due anni fa, aggiunge un senso di ingiustizia alla già
pesantissima condizione del comparto agropastorale dell’Isola”.
È quanto afferma l’europarlamentare della Lega, Francesca Donato, che interviene sulla vicenda di 38 pastori sardi che, nel febbraio del 2019, attuarono una protesta per il prezzo del latte, bloccando un tratto autostradale e per questo motivo si vedono, oggi,
rinviati a giudizio.
“È innegabile – continua l’esponente leghista – che dal punto di vista giuridico ci siano
state delle violazioni, ma la corposa sfilza di accuse ed aggravanti contestate a coloro che, dalla disperazione, sono arrivati a gettare in strada il latte ottenuto col proprio lavoro, mortifica ogni possibilità di fiducia di quei cittadini nelle Istituzioni e ogni speranza per il futuro. Le tensioni sociali cui assistiamo ormai da giorni, dovute a difficoltà economiche gravissime di intere fasce della popolazione, non si possono risolvere con la repressione e i processi. Il diritto al lavoro, a un salario equo, alla
dignità, alla libertà individuale sono presidi fondamentali nel nostro ordinamento e la loro preminenza andrebbe tenuta presente anche nel soppesare condotte irregolari rispetto alle autorizzazioni necessarie per manifestare pubblicamente una loro grave
carenza”.

“Sono vicina ai pastori sardi senza remore, mi auguro che la politica del territorio e il governo nazionale si attivino prontamente per sostenerli e, quantomeno, per aiutarli ad
affrontare le spese di giudizio e garantire loro la miglior difesa possibile nel
procedimento che li riguarda. Pare superfluo aggiungere – conclude la Donato – che sia il ministero all’agricoltura che l’assessorato regionale competente dovrebbero rispondere del perché ancora non è stato fatto nulla per rispetto alle legittime richieste  di intervento di questa categoria di lavoratori, nonostante le ripetute promesse e la  lunga attesa di segnali concreti da parte loro”.

© Riproduzione Riservata

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin