Paternò, il 'Cenacolo Giovani': "Cambiare l'uso per l'ex Convento di San Francesco" :ilSicilia.it
Banner Bibo

Per il Comune l'ex Convento dovrebbe essere una sala degustazione

Paternò, il ‘Cenacolo Giovani’: “Cambiare l’uso per l’ex Convento di San Francesco”

di
17 Marzo 2021

Il “Cenacolo Giovani” di Paternò ha pubblicato una lettera aperta, che è anche una sorta di manifesto socio-culturale, firmata dai membri dello stesso Cenacolo Giovani. L’obiettivo è di dar vita ad un programma culturale e di sviluppo della città.

Il “Cenacolo Giovani”, nella lettera aperta, ha citato la delibera della Giunta comunale di Paternò n° 95 del 26/02/2021, nella quale si stabilisce che i locali dell’ex Convento di San Francesco vengano destinati a “una sala per la degustazione dei prodotti agroalimentari della valle del Simeto”, come si può leggere nella delibera stessa.

Ma l’associazione culturale, pur riconoscendo nel progetto deliberato dal Comune “un valido tentativo nel dare slancio alla comunità paternese” chiede un cambio di assegnazione del luogo designato, “da individuare al di fuori della Collina Storica– si legge ancora nella lettera- considerata l’esistenza di altri edifici in altri siti cittadini che si presterebbero meglio al fine ultimo evidenziato dalla delibera sopracitata“.

E ancora “Approfittiamo di questa occasione per esprimere il desiderio comune a molti cittadini paternesi di una maggiore programmazione dell’attività culturale; un’esposizione più chiara del piano culturale e di protezione dei monumenti da seguire; le motivazioni che spingono la Giunta a scegliere un determinato sito d’interesse storico e i criteri adoperati per giungere a tale decisione“.

Infatti, secondo il “Cenacolo Giovani” la destinazione d’uso assegnata all’ex Convento di San Francesco non rispetterebbela natura storica – artistica della stessa Collina Storica e che un tale cambiamento debba essere subordinato ai sensi dell’art.60 delle “Norme tecniche di attuazionedel PRG e nel rispetto delle linee guida dettata dalla Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali“.

Inoltre, il “Cenacolo” ricorda che una possibile destinazione d’uso dell’ex Convento sia contenuta in un progetto risalente al 1970 e ideato dall’architetto Minissi, denominato “Mitigazione impatto e proposta innovativa di valorizzazione e fruizione della Collina Storica“. E nel 2008 venne elaborato un progetto ancora più specifico, a dimostrazione, secondo l’associazione culturale, che già esisterebbe una soluzione circa il futuro dell’ex Convento.

In conclusione, nella lettera, il “Cenacolo” ritiene che “la classe dirigente deve farsi carico della creazione di un percorso di tutela e valorizzazione dell’intero genius loci paternese, che diventerebbe volano per lo sviluppo economico. La suddetta programmazione deve essere finalizzata, altresì, a una più ampia visione sociale e temporale e deve essere oggetto di un dibattito con la città perché la Collina Storica diventi non esclusività di pochi ma patrimonio comune da difendere e valorizzare“.

A firmare la lettera sono state le seguenti associazioni:

Archeoclub sez. Paternò, Domenico Triolo Puleio;; Art.9, Michela Bottino; Cenacolo Giovani, Mariachiara Papa; C.L.A.A.I., Barbaro Messina; Salvo Lombardo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco