Patologie croniche: costano circa 13 miliardi all'anno solo per l'inappropriatezza diagnostica e terapeutica :ilSicilia.it
Palermo

Serve un Piano del Ministero della Salute

Patologie croniche: costano circa 13 miliardi all’anno solo per l’inappropriatezza diagnostica e terapeutica

28 Aprile 2018

 

In Europa si stima che le malattie croniche siano responsabili di circa l’86% dei decessi e di una spesa sanitaria valutabile intorno a 700 miliardi di euro l’anno. In Italia si stimano circa 13 miliardi all’anno di costi per la sola inappropriatezza diagnostica e terapeutica.

Le patologie croniche, quali diabete, scompenso cardiaco, psoriasi e bronco pneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) ed il relativo impatto socio-economico sul sistema sanitario pubblico, saranno al centro del III Convegno nazionale sulla Complessità Clinica e Assistenziale, dal titolo “Dies Panormitanae Atque Magnae Graeciae”, che si inaugurerà il 3 maggio ore 16 presso il Mondello Palace Hotel e proseguirà fino al 5 maggio.

Presidenti: Salvatore Corrao e Francesco Perticone, rispettivamente professore associato dell’Ateneo palermitano, direttore del Dipartimento “Strutturale di Medicina” dell’Arnas Civico di Palermo, anche presidente-eletto AMD (Associazione Medici Diabetologi); e presidente Nazionale SIMI (Società Italiana di Medicina Interna), anche ordinario dell’Università “Magna Grecia” di Catanzaro.

salvatore-corraoIn Sicilia – sottolinea Salvatore Corrao scompenso cardiaco, diabete e BPCO insieme generano il 20% di tutti i ricoveri complessivi, mentre quelli per tumori sono poco più del 5%; inoltre, ormai, grazie ai farmaci più innovativi, dobbiamo aggiungere l’HIV, di fatto, nel quadro delle cronicità: si registrano 7 nuovi casi ogni 100.000 abitanti, per un totale di più di 3000 persone, comparendo anche nella fascia d’età sopra i 60 anni, che solo per il momento è intorno al 5%”.

Tuttavia – conclude Corraonella nostra Regione attendiamo ancora la programmazione riguardo al più recente documento, ovvero il Piano delle Cronicità, del Ministero della Salute. Ciò incide sulle potenziali riduzioni della spesa e impedisce innovazioni organizzative: l’assessore regionale alla Salute, Razza, apra un tavolo unico per la gestione delle cronicità”.

francesco-perticoneIl futuro del sistema sanitario pubblicoevidenzia Francesco Perticone – dipende soprattutto da come affronteremo l’impatto socio-economico delle cronicità, che cresce con l’invecchiamento della popolazione. Entro il 2060 si stima che il numero di europei con età superiore a 65 anni aumenterà da 88 a 152 milioni con una popolazione anziana doppia di quella sotto ai 15 anni. Le malattie croniche impongono una rivisitazione dei modelli di cura e dei programmi sanitari e l’approccio della complessità clinica, per le diverse comorbilità che si accompagnano alle cronicità, garantisce una visione unitaria del paziente. Diversamente si dilateranno ritardi diagnostici, ricoveri inappropriati, costi d’invalidità e pantani burocratici: tutti elementi che vanno espunti, se vogliamo salvare la sostenibilità del sistema sanitario pubblico”.

Tag:

La pittrice della Via Crucis | LE FOTO

Con questo bell'articolo sulla pittrice Maria Pia De Angelis si inaugura oggi "L'Occhiotriquetro - note e postille", la nuova rubrica di Piero Longo, poeta, critico teatrale, critico e storico dell'arte, nonché presidente de "Gli Amici del Teatro Biondo" e presidente onorario di "Italia Nostra Palermo"
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Ad Alimena la Misericordia cuce le mascherine per tutti

La Misericordia di Alimena, che da anni opera nel sociale ed è fautrice di tante belle iniziative, ha iniziato a produrre le mascherine. Saranno distribuite gratuitamente a chi ne farà richiesta e sono già state stilate diverse liste per andare incontro soprattutto alle esigenze di tanti anziani.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona