Patti, diffamazioni su Antoci e dubbi su attentato del 2016: inflitte 3 condanne :ilSicilia.it
Messina

il fatto

Patti, diffamazioni su Antoci e dubbi su attentato del 2016: inflitte 3 condanne

di
17 Dicembre 2021

Avevano scritto commenti sui social nei quali si parlava di Giuseppe Antoci, a quell’epoca Presidente del Parco dei Nebrodi, ponendo tutta una serie di considerazioni ambigue sul suo operato e dubbiose in ordine all’agguato del 18 maggio 2016.

E’ proprio per queste affermazioni, unite ad altre di diversa carica offensiva, intese a sviluppare concetti legati al professionismo dell’antimafia ed al carrierismo politico, che la Procura della Repubblica di Patti, coordinata dal Procuratore Angelo Cavallo, aveva emesso decreto di citazione a giudizio per diffamazione aggravata nei confronti di Scaffidi Fonti Giuseppe, Latteri Francesco e Scaffidi Fonti Salvatore, quest’ultimo Commissario del Corpo Forestale Regionale e Comandante del Distaccamento di Caronia in provincia di Messina.

Oggi la sentenza del Tribunale di Patti, Giudice dott. Vincenzo Mandanici, che condanna i tre soggetti ai sensi e per gli effetti di cui all’art.595 III comma c.p. (diffamazione aggravata).

Altri procedimenti sono incardinati presso altre Procure e riguardano soggetti diversi, tutti rinviati a giudizio, che in questi anni hanno tentato di delegittimare l’operato del Presidente Antoci e la sua battaglia contro il malaffare.

Apprendo con soddisfazione – ha dichiarato Antoci – la decisione del Tribunale di Patti che dà la giusta punizione a chi ha tentato di delegittimarmi diffamandomi. Un segnale anche a tutti coloro che hanno utilizzato false notizie per infangare anche attraverso condivisioni volontarie e scientifiche sui social. Anche per loro cominciano ad arrivare i primi guai giudiziari. Purtroppo la violenza che io attribuisco a questi atteggiamenti – continua Antoci – non è seconda certamente all’attentato mafioso subito da me e dalla mia scorta quel 18 di maggio. Le pallottole del fango fanno più male, perché colpiscono la dignità e dunque – ancora Antoci – proseguirò le azioni giudiziarie anche contro gli altri. Senza indugio“.

Le condanne rappresentano un chiaro e forte messaggio a chi, dopo il gravissimo attentato subito da Antoci e dagli uomini della sua scorta, aveva cercato di delegittimarlo, cercando di bloccare l’opera forte di contrasto alle mafie nel Paese, che dai Nebrodi è partita risalendo lo stivale.

“Un giorno – continua Antoci – un Magistrato in una manifestazione pubblica subito dopo l’attentato disse alla platea: “Se qualcuno adesso pensa di fermare Antoci delegittimandolo, sappia che se la vedrà con lo Stato. Allora io non capii, ma poi sì… l’ho capito bene, sperimentando sulla mia pelle e quella della mia famiglia questo metodo assurdo e vigliacco della macchina del fango. Adesso la giustizia ne punisce gli autori”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.