Patto per il Sud: Governo battuto in Commissione Bilancio sulla rimodulazione dei fondi :ilSicilia.it

lavori a palazzo dei normanni

Patto per il Sud: Governo battuto in Commissione Bilancio sulla rimodulazione dei fondi

di
14 Luglio 2020

È stata bocciata col voto compatto del M5S, PD, Italia Viva e Attiva Sicilia, oggi in commissione Bilancio all’Ars, la rimodulazione proposta dal governo delle somme del Patto per il Sud. È la prima volta che in commissione Bilancio viene bocciato un documento di riprogrammazione del governo.

Il piano governativo prevedeva il definanziamento di numerosi progetti (per un ammontare totale di 140 milioni), tra cui quelli relativi alle aree di crisi complessa di Termini Imerese (completamento di opere viarie di urbanizzazione dell’agglomerato industriale) e Gela (lungomare e svincolo Manfria Roccazzelle) al collegamento viario della Ss 114 con i centri abitati di Riposto e alla realizzazione della circonvallazione Nord di Tremestieri Etneo.

Vittoria! Bocciato lo scippo di Musumeci” scrive su Facebook il deputato di Italia Viva Luca Sammartino. “Oggi, all’Assemblea Regionale Siciliana, in commissione Bilancio abbiamo difeso le opere pubbliche finanziate con il Patto per il Sud. – continua nel suo post – si tratta di infrastrutture, quali strade provinciali, depuratori e aree di crisi complesse di Termini e Gela che Nello Musumeci vuole definanziare. La linea del Governo non è passata!” Le opposizioni si erano già schierate contro questa scelta del governo additandola come scippo.

Il presidente Musumeci calpesta la programmazione e mortifica la stessa dignità istituzionale delle comunità locali scippando 140 milioni di euro dal Patto per il Sud, somme che erano destinate a strade provinciali ed altre opere ed infrastrutture in Sicilia”. Aveva sostenuto appena 4 giorni fa il capogruppo all’Ars Giuseppe Lupo che insieme con gli altri deputati del gruppo PD aveva presentato un’interrogazione proprio sulla proposta di rimodulazione delle risorse FSC 2014-2020 assegnate alla Regione e destinate agli interventi del Patto per il Sud, proposta che appunto prevede di cancellare una serie di progetti già previsti per un totale di 140 milioni.

Si tratta di progetti che riguardano acqua e rifiuti, beni culturali, infrastrutture, protezione civile, sviluppo rurale e ambiente, turismo, dissesto idrogeologico. Sono opere che si prevedeva di realizzare sull’intero territorio regionale ed in particolare nella provincia di Palermo, dove erano previsti interventi sulla rete viaria secondaria in Comuni nevralgici e già fortemente penalizzati da una condizione strutturale deficitaria”,  continuava Lupo.

Fra gli interventi previsti, la SP1 che serve i comuni di Montelepre e Torretta, la SP95 nell’Alto Corleonese del tratto Montaperto, comprensorio di Monreale, e la SP42 di Tagliavia che serve nello stesso comprensorio le diverse frazioni; la SP34 storica strada di Portella delle Ginestre nel comune di Piana degli Albanesi. Vengono altresì eliminati progetti relativi all’impiantistica per il trattamento dei rifiuti, al completamento delle opere viarie di urbanizzazione dell’area industriale di Termini Imerese, nonché alla definizione e realizzazione di importanti itinerari culturali.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.