Paura Covid alla Rap: "Troppi in malattia senza giustificato motivo, partite le prime 20 lettere di contestazione" :ilSicilia.it
Palermo

annunciato il pugno duro

Paura Covid alla Rap: “Troppi in malattia senza giustificato motivo, partite le prime 20 lettere di contestazione”

di
16 Settembre 2020

I positivi certificati restano 36, ma ci potrebbero essere altri cinque o sei casi sospetti – aggiunge – Dai tanti sierologici e tamponi fatti emerge una cosa chiara. I lavoratori Rap sono immuni al virus. Soprattutto quelli che si occupano della raccolta dei rifiuti. O perché hanno fatto dei vaccini professionali o perché negli anni hanno creato un’ottima difesa. E’ questo quello che emerge dall’analisi fatta dall’Asp. I positivi sono tra gli autisti o tra quelli che lavorano in ufficio. Come è dimostrabile in modo chiaro dai risultati delle analisi l’azienda in tutti i suoi reparti è un luogo sicuro dove non avviene la trasmissione e per l’uso dei dispositivi di sicurezza e per le continue sanificazioni”.  Lo dice Giuseppe Norata presidente della Rap che ieri ha preso parte ad un incontro per fare il punto della situazione sanitaria nell’azienda che si occupa dei rifiuti a Palermo.

Alla luce di tutto questo l’azienda dopo un primo momento di sbandamento sta riprendendo in mano la situazione e annuncia il pugno duro.

“Con queste premesse non c’è più motivo per mettersi in malattia. Per questo sono già partite le prime 20 lettere di contestazione e ne partiranno altre. Senza giustificato motivo partiranno le sanzioni previste dal contratto”.

E Norata aggiunge: Il virus alla Rap è arrivato da fuori. O qualche dipendente che ha trascorso le vacanze fuori dalla Sicilia o portato dal figlio di qualche lavoratore che è stato fuori dalla regione. L’Asp di Palermo ha fatto un’analisi epidemiologica molto precisa ricostruendo tutti i contatti e tutti i passaggi. Ed è questo che emerge”. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.