'Paura di volare? No problem', un corso per salire sull'aereo in tutta tranquillità | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

L'iniziativa presentata a Palazzo delle Aquile

‘Paura di volare? No problem’, un corso per salire sull’aereo in tutta tranquillità | Video intervista

di
30 Gennaio 2020

Guarda la video intervista in alto

Basta la ricetta del medico curante ed il pagamento del ticket (se dovuto) per accedere al percorso psicoterapeutico finalizzato a superare la fobia del volo. Si chiama “Paura di Volare? No problem” il corso curato dall’ambulatorio per i disturbi psicosomatici dell’UOC di Psicologia dell’Asp di Palermo che ha accolto negli ultimi anni più di 1.500 utenti, la cui stragrande maggioranza (il 98,7% dei pazienti) ha poi utilizzato l’aereo.

Il progetto, terminato nell’agosto del 2018, riprende grazie ad un nuovo accordo di collaborazione della durata triennale tra Asp di Palermo, Comune di Palermo, ENAV (la società che gestisce il traffico aereo civile in Italia), Gesap (società di gestione dell’Aeroporto di Palermo Falcone e Borsellino) e la compagnia aerea DAT. A Sala delle Lapidi di Palazzo delle Aquile, c’è stata firma del protocollo d’intesa e la presentazione ufficiale del nuovo progetto che consente, immediatamente, di dare il via ad un primo ciclo di corsi, ognuno dei quali rivolto a 25 utenti.

All’incontro hanno preso parte, tra gli altri, il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando; il Direttore generale dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni; il Responsabile ENAV Operations Center and South, Marco Voli; l’Amministratore Delegato di Gesap SpA, Giovanni Scalia e per la compagnia aerea DAT, il Direttore generale, Luigi Vallero – che ilSicilia.it ha intervistato in esclusiva – ed il Direttore commerciale DAT Italia, Andrea Pietrobelli.

Dopo un colloquio psicologico clinico di valutazione e diagnosi, è previsto un pacchetto di prestazioni che si sviluppa in 10 incontri settimanali di terapia in gruppo sul modello cognitivo comportamentale – ha spiegato la psicoterapeuta dell’Asp di Palermo, Maria Teresa Triscari, responsabile scientifico del progetto – durante il ‘percorso’ è programmato, anche, un incontro con l’equipaggio della compagnia aerea DAT ed una visita guidata, coordinata dall’ENAV, alla torre di controllo dell’aeroporto di Palermo. Il personale della Società di Gestione Aeroportuale (Gesap) affiancherà, invece, l’equipaggio di volo nella simulazione di un decollo. Al personale non sanitario è demandato il compito di illustrare gli aspetti relativi al volo, le norme di sicurezza e di controllo. In nona seduta viene programmato il ‘battesimo dell’aria’ ovvero un volo gratuito con rientro in giornata su aeromobili della DAT, compagnia aerea partner del progetto”.

Aiutare i cittadini a superare la paura di volare è oggi uno strumento per facilitare gli spostamenti e i contatti umani – ha detto Leoluca Orlando, sindaco di Palermo –  Prevenire e superare la paura del volo è, quindi, oggi parte integrante di un percorso della città che del diritto alla mobilità in ogni sua accezione ha fatto la propria bandiera. Sono grato a chi, in modo scientifico e professionale, accompagnerà coloro che hanno manifestato di avere questa fobia, che come ogni fobia si supera unendo la corretta informazione con l’ascolto e la condivisione”.

Questo progetto – dice Giovanni Scalia, amministratore Gesap – è l’esempio di come la cooperazione tra enti porti a ottimi risultati, ma è anche una bellissima iniziativa volta a facilitare l’utilizzo dell’aereo per superare le paure del volo. Inoltre, l’iniziativa combina i diversi ruoli dell’aeroporto, che vanno da sviluppatore di traffico aereo alla creazione di servizi ai passeggeri e alla cittadinanza”.

ENAV è impegnata ogni giorno a garantire la sicurezza dei passeggeri – afferma Marco Voli, responsabile Operation center and South di Enav – È la nostra mission. Per questo siamo particolarmente lieti di aderire ad un’iniziativa di sensibilizzazione che riguarda milioni di persone nel nostro Paese. Questo protocollo rappresenta una grande opportunità per far comprendere direttamente al passeggero anche cosa succede dietro ad un volo. Come operano i controllori del traffico aereo dentro le Torri, l’alto livello delle tecnologie utilizzate e l’affidabilità di tutto il sistema. La conoscenza è sicuramente il più valido antidoto contro la paura”

E’ un progetto la cui efficacia è stata scientificamente dimostrata – afferma Daniela Faraoni, direttore generale dell’Asp di Palermo – ed è un esempio di come istituzioni differenti possano collaborare nell’interesse dei cittadini. Il progetto ha, inoltre, un valore sociale in quanto consente ai siciliani, sicuramente limitati negli spostamenti dalla distanza geografica, di affrontare e superare la fobia del volo raggiungendo, così, più facilmente mete lontane per motivi lavorativi, affettivi o ricreativi. Il protocollo d’intesa rappresenta un primo passo di un più ampio progetto con la Gesap che ci vedrà presto insieme anche nella promozione dell’allattamento al seno. Un ulteriore spazio – colorato e confortevole – dedicato a mamma e bimbo sarà allestito nell’area partenze“.

Siamo contenti di partecipare a questo importante progetto con un approccio multi-level che abbraccia teoria e pratica per il trattamento e superamento della fobia e dell’ansia da volo – ha detto Luigi Vallero, direttore generale della Dat Voli di Sicilia – Oltre a migliorare l’esperienza di volo siamo sicuri che il percorso intrapreso porterà ottimi risultati tenendo conto del valore sanitario e sociale che questo rappresenta, tenuto conto della posizione geografica della Regione Siciliana“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin