Pausa di riflessione per il centrodestra che all'Ars insegue una maggioranza stabile :ilSicilia.it

Gli scenari al parlamento regionale

Pausa di riflessione per il centrodestra che insegue una maggioranza stabile

30 Marzo 2018

Martedi scorso Lino Leanza avrebbe compiuto 61 anni. All’Ars, proprio in questi giorni c’è chi rimpiange più del solito il parlamentare regionale, scomparso a maggio di tre anni fa: “A quest’Aula manca un ufficiale di collegamento. Uno come Lino”.

Il commento era scivolato a bassa voce in mezzo ai corridoi tra due deputati centristi increduli dopo la bocciatura  del Defr avvenuta martedì. Poi la notte ha portato consiglio e la maggioranza si è per incanto ricompattata. Ma c’è chi teme che è solo questione di tempo. I problemi si ripresenteranno.

C’è chi vedrebbe per questo ruolo, tra mediazione e ricucitura il vicepresidente dell’Ars Roberto Di Mauro, ma l’impresa da portare avanti non è semplice per nessuno. Il malessere della coalizione che supporta ( o dovrebbe) l’azione di governo dell’esecutivo di Nello Musumeci è curabile?

I margini per gli aggiustamenti e le ricomposizioni, di per sé, già ridotte, si inseriscono in uno scenario numerico dove non c’è molto da inventare. La destrutturazione che a Leanza era riuscita con la maggioranza che partiva minoritaria dopo l’elezione di Rosario Crocetta a Palazzo d’Orleans, nel 2012, in questo parlamento risulta  effettivamente ancora più complicata.

Oggi pesano nel centrodestra, anche solo potenzialmente, schermaglie che singolarmente non avrebbero un peso e rimbombano invece nel mortaio dei colpi sotto cui rischia di avere più di un problema la coalizione.

La polarizzazione del consenso che ha portato al rafforzamento della pattuglia dei 5stelle rende i margini di agibilità dell’allargamento della maggioranza da ricercare, molto ridotti. Non è un caso che tra i fedelissimi del governatore siciliano c’è chi comincia a fare posto a una più chiara ed esplicita apertura di quella, istituzionale e anti inciuci, che Musumeci fino a questo momento ha compiuto.

A Crocetta l’operazione era riuscita, garantendo galleggiamento e sopravvivenza, anche perché l’Ars dei 90 parlamentari aveva una minore incidenza pentastellata e una maggiore sopravvivenza di esponenti di area moderata.

La pausa pasquale di riflessione giunge quanto mai opportuna. Alla ripresa non mancheranno gli spunti per il confronto. A partire dai mail di pancia di chi, salviniani in testa, sembra rimanere ancora una volta fuori dai posti in giunta.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.