Pd a pezzi: Raciti si dimette, Faraone "diserta" la direzione regionale :ilSicilia.it
Palermo

L'annuncio all'Hotel delle Palme di Palermo

Pd a pezzi: Raciti si dimette, Faraone “diserta” la direzione regionale

di
25 Marzo 2018

“Il mio mandato è concluso dal punto di vista politico”. Così il segretario regionale del Pd Fausto Raciti durante la relazione che ha aperto la direzione regionale del partito all’Hotel delle Palme di Palermolascia l’incarico nei dem.

La forte sconfitta alle elezioni politiche, soprattutto in Sicilia, dove il PD si è fermato a ridosso del 12% ha aperto la strada ai partigiani del centrosinistra: “Raciti ha dichiarato, che il suo mandato è politicamente concluso ma che le sue dimissioni saranno formalizzate solo quando si avrà chiaro quale futuro si intende dare al Pd siciliano – scrive Antonio Rubino. – Da qui due proposte: accettare la richiesta dei renziani di convocare l’assemblea regionale per arrivare allo scontro oppure accompagnare al congresso con una gestione collegiale del segretario regionale, i segretari provinciali, il presidente dell’assemblea e della direzione”.

Tra i grandi assenti c’è il delfino renziano in Sicilia, Davide Faraone, indicato dagli oppositori interni come uno dei principali responsabili della disfatta dem. Per il neo parlamentare nazionale Carmelo Miceli, la “reggenza è la soluzione migliore” per uscire dalla crisi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin