Pd, Barbagallo: "Oggi svolta chiare su primarie" CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

LE PAROLE

Pd, Barbagallo: “Oggi svolta chiare su primarie” CLICCA PER IL VIDEO

di
28 Maggio 2022

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Oggi il partito darà una svolta chiara sulle primarie. Letta ha parlato di prospettiva incoraggiante non solo sulle primarie ma soprattutto nel rapporto con il Movimento cinque stelle“. Lo ha detto il segretario regionale del Pd Anthony Barbagallo, a margine della direzione del partito.

Ancora una volta la Sicilia è laboratorio politico e sperimentiamo qui meglio che altrove formule politiche nuove. Qui per primi abbiamo lanciato l’accordo con i cinque stelle e per primi rispetto ad altre parti del paese lanciamo questa formula di scelta democratica. Decideremo dando voce ai cittadini siciliani e non sceglieremo il presidente della Regione nel chiuso di una stanza” ha aggiunto. Per quanto riguarda la presentazione delle candidature e la scadenza dei termini, Barbagallo ha spiegato: “Serve più tempo rispetto al termine del dieci giugno, la cosa importante per il Pd non è il termine di presentazione delle candidature o la data in cui si celebreranno le primarie. ma che ci sia un termine congruo per fare la campagna elettorale per le primarie

Parleremo di un termine vero di presentazione delle candidature nel momento in cui il regolamento delle primarie verrà approvato – ha aggiunto – approvato il regolamento, parleremo delle date. Senza regolamento non può esserci né un termine una data certa per le primarie”. Ancora nessun nome da parte del Pd “prima il regolamento per definire ogni passaggio formale”, poi partirà un confronto “franco e schietto partendo non solo dalla direzione ma anche dai circoli per condividere il nome del candidato che a mio giudizio deve essere quanto più unitario”.

Speriamo che il segretario nazionale del Pd, Enrico Letta, riesca a venire a Palermo prima della fine della campagna elettorale per ribadire alcune questioni che stanno a cuore al Pd c’è troppa disattenzione e un calo di attenzione vero sulle questioni della legalità. La presenza del segretario nazionale serve a dire anche questo. La lotta alla mafia è e resta la prima priorità in Sicilia dal Pd“. Lo ha detto il segretario regionale del Pd Anthony Barbagallo, a margine della direzione del Pd che si tiene all’hotel San Paolo di Palermo.

“Non abbiamo ancora sentito dal candidato sindaco del centrodestra un rifiuto netto dei voti che vengono dalla mafia e ci piacerebbe sentire che loro, questi voti, non li vogliono. Ancora oggi continuano ad esserci troppe incertezze e tentennamenti”, ha aggiunto. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.