23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.10
Palermo

Tensioni nel partito democratico palermitano

Pd, denuncia di Terminelli e Licciardi: “Nei circoli di Faraone 450 schede per Martina, votazioni nulle”

27 Gennaio 2019

“Mentre in tutta la Sicilia si registra la netta vittoria di Nicola Zingaretti, nei due circoli del Pd palermitano gestiti da Faraone spuntano magicamente 450 schede votate per il candidato Martina, a fronte di voti ridottissimi a favore di Zingaretti e Giachetti. Un’affluenza straordinaria e quanto meno “strana” maturata negli ultimi minuti di votazione. Chi ha interesse a distruggere il Pd?”

L’affondo è di Attilio Licciardi (componente dell’assemblea nazionale del Pd e coordinatore provinciale dell’area Orlando) e di Ninni Terminelli (presidente Sinistra delle Idee), che in un comunicato stampa congiunto chiedono siano annullate queste votazioni.

“Chi ha interesse ad umiliare decine e decine di militanti – si domandano i due esponenti politici – che con umiltà stanno cercando di restituire credibilità e forza al Pd, cercando i cittadini uno alla volta per riportarli alla partecipazione?”

“È tollerabile – concludono – che il principale partito del centrosinistra italiano assista inerme a questa degenerazione?”

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.