Pd, denuncia di Terminelli e Licciardi: "Nei circoli di Faraone 450 schede per Martina, votazioni nulle" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Tensioni nel partito democratico palermitano

Pd, denuncia di Terminelli e Licciardi: “Nei circoli di Faraone 450 schede per Martina, votazioni nulle”

di
27 Gennaio 2019

“Mentre in tutta la Sicilia si registra la netta vittoria di Nicola Zingaretti, nei due circoli del Pd palermitano gestiti da Faraone spuntano magicamente 450 schede votate per il candidato Martina, a fronte di voti ridottissimi a favore di Zingaretti e Giachetti. Un’affluenza straordinaria e quanto meno “strana” maturata negli ultimi minuti di votazione. Chi ha interesse a distruggere il Pd?”

L’affondo è di Attilio Licciardi (componente dell’assemblea nazionale del Pd e coordinatore provinciale dell’area Orlando) e di Ninni Terminelli (presidente Sinistra delle Idee), che in un comunicato stampa congiunto chiedono siano annullate queste votazioni.

“Chi ha interesse ad umiliare decine e decine di militanti – si domandano i due esponenti politici – che con umiltà stanno cercando di restituire credibilità e forza al Pd, cercando i cittadini uno alla volta per riportarli alla partecipazione?”

“È tollerabile – concludono – che il principale partito del centrosinistra italiano assista inerme a questa degenerazione?”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.