Pd, ecco i candidati per le Europee in Sicilia e Sardegna :ilSicilia.it

Tutti i nomi in corsa il 26 maggio

Pd, ecco i candidati per le Europee in Sicilia e Sardegna

di
11 Aprile 2019

C’è anche Mila Spicola tra i candidati della lista del Partito Democratico e di Siamo Europei, il movimento dell’ex ministro Carlo Calenda, nella circoscrizione Isole per le elezioni Europee. L’insegnante, storica esponente dem, fa parte della truppa di quattro uomini e quattro donne che compongono l’elenco di coloro che il prossimo 26 maggio proveranno ad accaparrarsi un seggio a Strasburgo tra quelli a disposizione in Sicilia e Sardegna.

Mila Spicola
Mila Spicola

Spicola è la più renziana dei candidati, anche se la storica militanza nei dem conferisce un carattere di terzietà alla sua candidatura. Per il resto, dopo che l’ipotesi di vedere candidato direttamente Davide Faraone per i renziani è saltata, i nomi in lista sono quasi tutti riferibili al segretario Nicola Zingaretti.

È il caso della capolista Caterina Chinnici, parlamentare europeo uscente, ex assessore regionale e figlia di Rocco, magistrato che fu a capo dell’Ufficio Istruzione del Tribunale di Palermo ucciso dalla mafia. Così come riferibile al segretario del Pd è il nome dell’altra uscente, Michela Giuffrida, giornalista, ex direttore del Tg di Antenna Sicilia ed ex corrispondente del quotidiano La Repubblica.

Attilio Licciardi PD
Attilio Licciardi

Confermate le voci che volevano in lista l’ex sindaco di Ustica vicino all’ex ministro della Giustizia Andrea Orlando Attilio Licciardi.

C’è, poi, il medico Pietro Bartolo, medico di Lampedusa. Per il movimento dell’ex ministro Calenda, candidata la catanese Virginia Puzzuolo. Spazio anche al sindaco di Sambuca di Sicilia Leo Ciaccio, rieletto primo cittadino con consenso record a giugno del 2018. Nella lista dei nomi anche quello del sardo Andrea Soddu.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.