Pd, ecco i candidati per le Europee in Sicilia e Sardegna :ilSicilia.it

Tutti i nomi in corsa il 26 maggio

Pd, ecco i candidati per le Europee in Sicilia e Sardegna

11 Aprile 2019

C’è anche Mila Spicola tra i candidati della lista del Partito Democratico e di Siamo Europei, il movimento dell’ex ministro Carlo Calenda, nella circoscrizione Isole per le elezioni Europee. L’insegnante, storica esponente dem, fa parte della truppa di quattro uomini e quattro donne che compongono l’elenco di coloro che il prossimo 26 maggio proveranno ad accaparrarsi un seggio a Strasburgo tra quelli a disposizione in Sicilia e Sardegna.

Mila Spicola
Mila Spicola

Spicola è la più renziana dei candidati, anche se la storica militanza nei dem conferisce un carattere di terzietà alla sua candidatura. Per il resto, dopo che l’ipotesi di vedere candidato direttamente Davide Faraone per i renziani è saltata, i nomi in lista sono quasi tutti riferibili al segretario Nicola Zingaretti.

È il caso della capolista Caterina Chinnici, parlamentare europeo uscente, ex assessore regionale e figlia di Rocco, magistrato che fu a capo dell’Ufficio Istruzione del Tribunale di Palermo ucciso dalla mafia. Così come riferibile al segretario del Pd è il nome dell’altra uscente, Michela Giuffrida, giornalista, ex direttore del Tg di Antenna Sicilia ed ex corrispondente del quotidiano La Repubblica.

Attilio Licciardi PD
Attilio Licciardi

Confermate le voci che volevano in lista l’ex sindaco di Ustica vicino all’ex ministro della Giustizia Andrea Orlando Attilio Licciardi.

C’è, poi, il medico Pietro Bartolo, medico di Lampedusa. Per il movimento dell’ex ministro Calenda, candidata la catanese Virginia Puzzuolo. Spazio anche al sindaco di Sambuca di Sicilia Leo Ciaccio, rieletto primo cittadino con consenso record a giugno del 2018. Nella lista dei nomi anche quello del sardo Andrea Soddu.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.