Pd presenta il Manifesto sui Diritti e Doveri Culturali. Mele: "Per salvaguardare un patrimonio comune" :ilSicilia.it
Palermo

a Palermo il 30 novembre 2021

Pd presenta il Manifesto sui Diritti e Doveri Culturali. Mele: “Per salvaguardare un patrimonio comune”

di
29 Novembre 2021

Sarà presentato a Palermo, per la prima volta in Italia, il “Manifesto sui Diritti e Doveri Culturali”. L’appuntamento è per il 30 novembre, alle ore 10.30, nella Sala Piersanti Mattarella di Palazzo dei Normanni.

Il Manifesto, promosso su impulso del Dipartimento Beni Culturali del Partito Democratico, è stato stilato grazie all’apporto di rappresentanti del mondo della cultura italiana provenienti da diverse sensibilità e da ambiti ed esperienze differenti.

Purtroppo la cultura, non solo nel nostro Paese, non viene riconosciuta attraverso i propri diritti ed equivalenti doveri.

“Per la prima volta in Italia – dichiara Manlio Mele, responsabile del Dipartimento dei Beni Culturali del PD Sicilia – abbiamo voluto porre l’attenzione sull’importanza del ruolo della cultura, nella certezza che questa concorre alla formazione dell’individuo sul piano intellettuale e morale. Il Manifesto mira a salvaguardare un patrimonio comune che deve essere tutelato da diritti specifici ai quali corrispondono, in modo speculare, altrettanti doveri. Il Manifesto – conclude – chiede di trasformare i diritti e i doveri culturali in norme e procedure in grado di esigere sia il rispetto delle libertà sia l’assunzione di responsabilità culturali”.

Il documento è stato redatto in Sicilia, con la piena consapevolezza che le diversità culturali fanno di questa terra un unicum da salvaguardare e costituiscono, al tempo stesso, un articolato patrimonio materiale ed immateriale.

Nel corso dell’incontro delle 10.30 a Palazzo dei Normanni, il Manifesto sarà presentato alla stampa ed alla deputazione regionale.

Dopo i saluti istituzionali da parte del Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Gianfranco Miccichè, prenderanno il via i lavori, coordinati dal responsabile del Dipartimento Cultura del PD Sicilia, Manlio Mele. Sarà ospite Giuliano Volpe già Presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali e Paesaggistici.

Sempre il 30 novembre, alle ore 17. 30, il Manifesto sarà illustrato ai rappresentanti nel mondo della cultura, nel corso di un incontro che si terra nella Sala delle Metope del Museo Archeologico Antonio Salinas di Palermo.  All’appuntamento pomeridiano interverrà Giuliano Volpe.

Al Manifesto ha lavorato il comitato promotore composto da: Roberto Albergoni, Monica Amari, Edward Richard jr. Bosco, Francesca Cicero, Marika Cirone, Andrea Cusumano, Cinzia Laurelli, Manlio Mele, Lorenzo Palumbo, Silvia Pinto, Ersilia Saverino.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin