Pd: valanga di ricorsi alla Commissione congresso, caos in Sicilia per i voti a Martina :ilSicilia.it

sotto accusa la gestione di Faraone

Pd: una valanga di ricorsi alla Commissione congresso, caos in Sicilia per i voti a Martina

di
30 Gennaio 2019

È la Sicilia la regione al centro della disputa sul voto nei circoli per il congresso Pd che ha impedito finora alla Commissione nazionale di rendere noti i risultati della prima fase, tre giorni dopo la chiusura. E’ quanto si apprende da fonti interne alla stessa Commissione congresso, inondata di ricorsi sull’Isola, dove si è andati al voto con notevole ritardo e in cui molti dati vengono contestati. Anche nei giorni scorsi erano volate parole grosse in Sicilia sula gestione del partito da parte di Davide Faraone

C’è ad esempio il caso di un circolo dove tutti e 45 gli iscritti hanno votato per Maurizio Martina, sollevando più di qualche dubbio.

Segno della presenza dei “signori delle tessere” che controllano i consensi, secondo le fonti interpellate, come rilevato anche in Campania. E sono troppo pochi i funzionari del partito da mandare da Roma a dirimere le dispute nelle regioni. Il trend ufficioso per i sei candidati è quello degli ultimi giorni, secondo le fonti interne alla Commissione: Nicola Zingaretti sotto il 50% (tra il 48 e poco più del 49), Maurizio Martina 10-12 punti indietro (34-36%), Roberto Giachetti tra il 12 e il 13%.

I tre passano alle primarie del 3 marzo. Francesco Boccia sarebbe intorno al 3% – dato contestato dal suo staff – mentre non arriverebbero all’1% Dario Corallo e Maria Saladino. Anche loro non ci stanno e chiedono un conteggio attendibile. L’affluenza sarebbe stata intorno al 50%, ma non è chiaro il numero degli iscritti al partito, comunque ben al di sotto dei 400 mila, secondo le fonti interpellate.

I votanti effettivi non si avvicinano ai 200 mila. Lo scenario più probabile è che i dati definitivi vengano annunciati solo domenica prossima alla Convenzione nazionale del Pd, convocata all’Hotel Ergife.

Dai singoli comitati – afferma Filippo Marciante, coordinatore in Sicilia della mozione #aporteaperte di Francesco Boccia – stanno diffondendo dati irreali e non corrispondenti al voto dei circoli siciliani. Sul voto siciliano pendono numerosi ricorsi, non sono state rispettate le più basilari regole democratiche né le corrette procedure di convocazione delle convenzioni”.

“In molti circoli non si è votato, anche in grossi centri della Regione. Serve rispetto per i tanti militanti dem che ancora credono nel nostro partito. La commissione nazionale per il congresso potrà certificare l’affluenza e l’esito del voto in Sicilia, solo dopo aver esaminato ed essersi espressa sui singoli ricorsi. Fino ad allora – conclude Marciante – saranno solo dati di parte”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin