19 Aprile 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.33

l'invito all'unità del presidente della regione lazio

Pd, Zingaretti: “In Sicilia un modello di partito che non condivido e non voglio”

12 Dicembre 2018

Anche il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, “Piddino doc”, segue con apprensione le vicissitudini del Partito Democratico in Sicilia e non le manda a dire.

“Purtroppo in Sicilia si sta mostrando un modello di Partito che io non condivido e non voglio”, dice.  Il riferimento è alle primarie e all’annunciata rinuncia a correre per la segreteria regionale da parte di Teresa Piccione che ha poi raccolto la solidarietà politica di altri esponenti e dirigenti.

“Purtroppo – continua Zingaretti –  in Sicilia si sta mostrando un modello di partito che io non condivido e non voglio. Non hanno fatto votare le federazioni e quindi gli iscritti. Ci sono pesanti ingerenze illegittime da parte di altri partiti (Sicilia Futura, Forza Italia) sul nostro e su questo invito a reagire insieme e compatti”.

Ci sono troppe decisioni sulle regole di svolgimento dei congressi, presi a maggioranza e poco rispettosi. Così non si unisce, si distrugge. E diventa quasi ridicolo dire di cambiare l’Italia se questo cambiamento – conclude –  non avviene nemmeno nel nostro partito, che rappresenta oggi l’unica alternativa di governo credibile”.

 

Leggi anche:

Bagarre nel Pd in Sicilia, insorgono i dirigenti: “Primarie? Sono false e inutili”

Pd sull’orlo del crack, Piccione “Mi ritiro, false primarie in Sicilia”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Effetto e Conseguenza

La gente si lascia trascinare nelle polemiche guardando l’effetto che si ha davanti agli occhi e non le cause che lo hanno prodotto, ossia le conseguenze che ci hanno portato a ciò. Penso al caso del campo nomadi...