Peace Run, Miccichè riceverà la fiaccola della pace :ilSicilia.it
Palermo

tappa conclusiva davanti a Palazzo Reale

Peace Run, Miccichè riceverà la fiaccola della pace

di
15 Novembre 2019

Sarà il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, domani (sabato 15 novembre), ad accogliere centinaia di bambini e studenti, a Palazzo Reale, per la tappa conclusiva della “Peace Run”, una settimana multiculturale, inclusiva e interreligiosa di iniziative di pace, promossa dalla “Sri Chinmoy Oneness-Home Peace Run”, che quest’anno ha avuto Palermo come palcoscenico.

Dopo aver sfilato per il centro storico e aver fatto tappa davanti al Tribunale, in piazza Pretoria e davanti alla Cattedrale, i messaggeri di pace, alle 12, arriveranno a Palazzo Reale con il coloratissimo Telo della pace più lungo d’Italia, 160 metri, seguiti dalla banda musicale del liceo Regina Margherita di Palermo.

Peace RunI bambini della Peace Run consegneranno al presidente Miccichè la fiaccola della pace, che è stata tra le mani dei più importanti leader del mondo, come Nelson Mandela, e gli doneranno il quadro di Sri Chinmoy “Plant a tree for World Harmony”.

Saranno presenti anche l’assessore regionale all’Istruzione, Roberto Lagalla, il presidente del Tribunale, Salvatore Di Vitale, il direttore della Fondazione Federico II, Patrizia Monterosso, il presidente Fai Sicilia, Giuseppe Taibi e il direttore museale dell’Università di Palermo, Paolo Inglese.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.