15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Ragusa

Avrebbe tentato di adescare anche una seconda ragazzina

Pedofilia, arrestato un giovane: avrebbe violentato una dodicenne

23 Ottobre 2018

La squadra mobile della Questura di Ragusa, nell’ambito di indagini per pedofilia, ha arrestato un 21enne per violenza sessuale nei confronti di una 12enne.

Dalle indagini è emerso che il giovane contattava su gruppi WhataApp le bambine più piccole, anche perché più facilmente plagiabili e suggestionabili. La piccola oltre ad avere subito violenza fisica sarebbe stata costretta ad avere, più volte al giorno, rapporti ‘virtuali’ con l’indagato. Un’altra ragazzina ha denunciato di essere stata vittima di un tentativo di adescamento da parte del 21enne, ma non sarebbe caduta nella sua ‘trappola’.

All’arresto si è giunti grazie alla collaborazione delle famiglie delle ragazzine. Gli investigatori ritengono vi possano essere altre vittime non ancora identificate perché adescate prima dell’inizio dell’attività d’indagine e sollecitano le minorenni che dovessero essere state contattate dall’arrestato di rivolgersi alla Squadra Mobile di Ragusa. Secondo quanto accertato, il giovane partecipava a gruppi WhataApp frequentati da ragazzine, ne controllava i profili e dopo aver scelto la vittima le chiedeva foto e video.

Successivamente la richiesta era quella di foto e video hard e di sesso virtuale. L’indagato avrebbe anche tentato di convincere le amiche della 12enne. Durante le indagini la Polizia di Stato ha sequestrato nella sua abitazione diversi dispositivi informatici, che sono ancora in fase di analisi. Nonostante la perquisizione domiciliare il giovane avrebbe postato su Facebook minacce nei confronti delle famiglie delle vittime che lo avevano denunciato.

“Ho soltanto 12 anni…”: così, in un messaggio inviato con social network, una vittima del ventunenne arrestato per violenza sessuale dalla polizia a Ragusa cercava di difendersi dalle molestie. Secondo le indagini della polizia la piccola sarebbe stata abusata più volte.

Il giovane agiva in modo seriale inviando decine di contatti al giorno cercando di convincere le vittime ad incontrarlo. Il 21enne, oltre ad aver abusato di una delle ragazzine, secondo quanto accertato dalla polizia, ha anche provato a convincere le amiche della dodicenne. “Adesso tocca a te…”, diceva ad altre minorenni. Ma a volte al telefono rispondevano i genitori che eseguivano dei controlli sullo smartphone delle figlie. E quando ha saputo di essere indagato, sul proprio profilo Facebook ha insultato la famiglia della vittima: “Sarò il vostro peggiore incubo, quando mi vedete camminate a testa bassa…”, ha scritto tra l’altro.

“La Polizia di Stato di Ragusa – commenta il capo della squadra mobile, il vice questore Nino Ciavola – ha potuto assicurare alla giustizia il soggetto grazie anche alla collaborazione delle famiglie delle bambine che hanno aiutato gli investigatori a fare chiarezza su quanto accaduto. Sono sempre più frequenti i fenomeni di adescamento di minorenni su social network. È necessaria – segnala il capo della squadra mobile di Ragusa – una costante vigilanza da parte degli adulti sull’utilizzo degli smartphone da parte dei più piccoli, ignari della perversione di alcuni”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.