Pendolari: "Nuova vergogna delle Ferrovie in Sicilia, puntano sui bus. Altro che cura del ferro..." :ilSicilia.it
Messina

L'affondo di Giosuè Malaponti

Pendolari: “Nuova vergogna delle Ferrovie in Sicilia, puntano sui bus. Altro che cura del ferro…”

di
24 Luglio 2018

“L’ultima vergogna del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane nei confronti dei Siciliani e della Sicilia”.

Inizia così l’attacco di Giosuè Malaponti – Presidente del Comitato Pendolari Siciliani – Ciufer . «E’ da ieri, lunedì 23 luglio 2018, che le ferrovie dello stato hanno pensato bene di avvicinare la Sicilia al resto d’Italia con un nuovo collegamento bus operato da Busitalia, del gruppo FSI, da Cosenza(7.45) a Lamezia Terme aeroporto(8.35) a Messina(11.15) con arrivo previsto a Catania alle 12.45, per poi ripartire da Catania(12.55) verso Messina(14.20) a Lamezia Terme aeroporto(16.40) per fare ritorno a Cosenza alle 17.50. A questa assurda stranezza si aggiunge la beffa di far traghettare i bus non con il servizio offerto da Rete Ferroviaria Italiana ma affidandosi alle navi traghetto del privato.

Una cura del ferro acclarata dal ministro Lupi prima e dal ministro Delrio dopo che doveva curare definitivamente quell’anemia ferroviaria e infrastrutturale che attanaglia la Sicilia da anni ma da una cura di cavallo del “ferro” qualcun altro nel gruppo FSI ha pensato bene di iniziare a curarla con la “gomma” forse magari per cancellare tutte quelle promesse infrastrutturali fatte in questi ultimi anni dai governi nazionali e rimaste solo a binario morto».

Palermo 10/1/18 - Ferrovie, Musumeci incontra associazioni pendolari e consumatori.Qualche settimana fa il governatore della Sicilia Nello Musumeci «ha tirato fuori, giustamente e speriamo sia la volta buona, il problema della “Continuità Territoriale“, e la necessità che venga una volta per tutte attuata e garantita sia quella aerea che quella marittima. Alla luce di questi nuovi fatti chiediamo al Presidente Musumeci e all’assessore regionale ai Trasporti Marco Falcone di voler intervenire presso il Ministero dei Trasporti per fare chiarezza su questa vicenda assurda e strana.

Chiediamo, inoltre, nella qualità di componenti del Movimento Popolare “IlFerrobottenonsitocca” assieme agli altri componenti Or.Sa Sicilia, Usb Sicilia-Calabria, Antudo Messina, Cittadinanza Attiva Sicilia, Comitato Pendolari Siciliani, C.i.u.fe.r, un incontro con il Presidente della Regione e l’Assessore Regionale ai Trasporti per rappresentare loro quanto sta accadendo per l’ennesima volta sulle sponde dello Stretto e per cercare di garantire il servizio di Continuità Territoriale con carattere di stabilità per tutti gli anni a seguire».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.