Per accendere le piste del suo Circo si attacca al contatore pubblico dell'Enel | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Ai domiciliari il titolare della struttura

Per accendere le piste del suo Circo si attacca al contatore pubblico dell’Enel

26 Novembre 2016

Quel circo doveva mettere le tende a Bagheria ma per problemi “tecnici” si era spostato da qualche giorno nella frazione di Porticello, nel comune di Santa Flavia.

Poi, i normali controlli amministrativi hanno fatto scoprire ai tecnici dell’Enel e ai carabinieri che il circo –  col brand di una delle famiglie storiche della tradizione circense italiana – si era allacciato abusivamente alle rete elettrica pubblica.

Gli spettacoli dovevano iniziare ieri sera. Ma la presenza sul territorio ha fatto si che scattassero i controlli normalmente svolti per l’accertamento delle regolarità amministrative. Così i Carabinieri della Stazione di Santa Flavia, con l’ausilio di personale tecnico Enel, hanno tratto in arresto un 48enne torinese responsabile del circo.

L’uomo, per dare luce alle piste e alle strutture del circo, aveva effettuato un allaccio abusivo alla rete pubblica forzando una cassetta dell’Enel, che permetteva di connettere l’intera struttura in quel luogo stabilita. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto in regime di arresti domiciliari presso il proprio domicilio in attesa del rito direttissimo dinanzi al Tribunale di Termini Imerese, a seguito del quale il Giudice ha convalidato l’arresto.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.