Per Draghi la Sicilia non conta una mazza. E i partiti hanno perso :ilSicilia.it

l'analisi

Per Draghi la Sicilia non conta una mazza. E i partiti hanno perso

di
25 Febbraio 2021

Diciamolo subito: gli unici a pensare alla Sicilia sono stati i Cinquestelle. Tre dei quattro sottosegretari nati nell’Isola arrivano dai pentastellati: Giancarlo Cancelleri, Manlio Di Stefano e Barbara Floridia. E però non può sfuggire il fatto che uno di questi, Di Stefano, viva ormai lontano dalla Sicilia da anni.

Tralasciamo la nomina di Giorgio Mulé, quarto nostro conterraneo al governo indicato da Forza Italia per un posto di sottosegretario al ministero della Difesa, che solo un estremo sforzo di campanilismo può fare rientrare come portabandiera della Trinacria. L’onorevole Mulé, infatti, giornalista molto noto, vive e lavora oltre lo Stretto ormai da qualche decennio.

Per il resto il nulla più assoluto. Il vuoto cosmico. Chissà cosa ne pensa Totò Cuffaro che, intervistato da ilSicilia.it sull’assenza di ministri in quota isolana, aveva dato fiducia a Draghi prevedendo un’infornata di sottosegretari nostrani. Con il senno di poi, probabilmente, quella di Cuffaro era più una speranza che una previsione.

E chissà cosa frulla nella testa di Gianfranco Micciché in queste ore. La sua Forza Italia in Sicilia ha portato valanghe di voti a Roma, ha fatto incetta di deputati regionali e ha tenuto alta la bandiera azzurra nelle percentuali mentre in altre lande si manifestava una desolazione deprimente. Si dice che il viceré Berlusconiano in Sicilia avesse indicato Gabriella Giammanco per una poltrona da sottosegretario, ma la nomina non è arrivata. E qui i casi, se l’indicazione c’è effettivamente stata, sono due: o il Cavaliere non ha mediato abbastanza o Draghi se ne è fregato altamente (propendo per la seconda ipotesi).

Si era parlato, poi, del trasferimento a Roma di qualche assessore regionale. Si erano fatti i nomi di Roberto Lagalla (in questo senso avevano destato qualche malignità i comunicati stampa dell’ex Rettore che aveva salutato con ammiccante soddisfazione la nomina di qualche ministro) o di Gaetano Armao. Macché. Nada, niente, zero.

Sorvoliamo su tutti gli altri partiti che sostengono il governo, che della Sicilia, almeno per quel che riguarda le nomine, se ne sono infischiati. Il Pd ha combattuto giustamente la battaglia per la rappresentanza di genere, dimenticandosi però completamente quella per la rappresentanza dei territori, in particolare, appunto, la Sicilia. Italia Viva è troppo impegnata in altre logiche di gestione del potere, mentre non è certo dalla Lega che ci si doveva aspettare un regalo alla Sicilia. Leu non pervenuta. Per Più Europa si era parlato di Fabrizio Ferrandelli, ma alla fine l’ha spuntata Benedetto Della Vedova.

Già la vedo Giorgia Meloni gongolare in vista delle elezioni Politiche, pronta a suonare la grancassa dell’assenza dei siciliani in vista delle elezioni politiche, speranzosa di fare incetta di voti nell’Isola. E chi potrebbe darle torto?

Infine, vi confesso una mia personale curiosità: il tecnico Draghi, già ai vertici delle più alte istituzioni bancarie del mondo, esattamente, cosa conosce della Sicilia? C’è mai stato? Ha mai sentito parlare di Villabate, Buseto Palizzolo, Pachino o Ribera, per dire? Secondo me No.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin