Per il G7 Taormina cambia volto. Vertice a Roma per partire coi lavori | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Messina

Tra gli interventi anche il Palacongressi e un elipista

Per il G7 Taormina cambia volto. Vertice a Roma per partire coi lavori

di
28 Dicembre 2016

Un vertice a Roma per fare il punto sul G7 di Taormina. Lo ha convocato per gennaio il Ministro della Coesione Territoriale e del Mezzogiorno, Claudio De Vincenti che intende incontrare nella capitale il sindaco di Taormina, Eligio Giardina e il neo-commissario straordinario Riccardo Carpino per un aggiornamento operativo sulla preparazione del summit dei Capi di Stato e di Governo in programma il 26 e 27 maggio a Taormina. Il faccia a faccia nella capitale (data ancora da stabilire) avverrà con molta probabilità dopo la riunione già in agenda per il 10 gennaio a Messina, in Prefettura, dove il Prefetto Francesca Ferrandino ha convocato proprio il sindaco Giardina e che vedrà anche la presenza di Carpino e del ministro plenipotenziario Alessandro Modiano, capo della delegazione italiana al G7.

palacongressi_taormina_0La nomina di Carpino, formalizzata dal Consiglio dei Ministri alla vigilia di Natale, pare destinata ad imprimere l’auspicata accelerazione all’iter per l’avvio dei cantieri, ipotizzabile nel giro di qualche settimana. Ed è in questa direzione che il Consiglio dei ministri ha concesso una deroga finalizzata all’immediato espletamento delle procedure senza dover passare da una lunga trafila di pareri da parte di vari enti ed uffici. La prima opera che dovrebbe scattare nelle prossime settimane concerne il previsto adeguamento e la messa a norma del Palacongressi. L’auditorium di piazza Vittorio Emanuele verrà impiegato a supporto delle strutture alberghiere, per alcune riunioni dei ministri e necessita di un piano di interventi che riesca ad estinguere ataviche criticità come quella dell’impianto di climatizzazione e la scarsa funzionalità degli ascensori. Ma occorrerà soprattutto spostare ai piani superiori i motori che regolano il funzionamento degli impianti, attualmente ubicati nelle zone sotterranee del palazzo. I Vigili del Fuoco hanno espressamente richiesto la risoluzione di questa problematica.

Dovrebbe poi essere realizzata una elipista, anche se non si esclude che venga approntata pure una seconda area. Confermata anche la prevista pavimentazione della via Teatro Greco, che diventerà ideale prosecuzione di Corso Umberto anche in termini prettamente estetici. Dovranno poi essere asfaltate e ammodernate le vie di accesso ed uscita della città, a partire dalla via Garipoli, bretella dell’autostrada A18. Analogo discorso vale per il casello A18 di Spisone. E alla fine dovrebbe rientrare nell’elenco delle cose da fare anche il Parco Giovanni Colonna Duca di Cesarò, il giardino pubblico donato a suo tempo alla città dalla nobildonna inglese Florence Trevelyan, un luogo splendido che da un paio di anni versa in condizioni di assoluto degrado.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin