Per Martelli, nel '92 lo Stato diede un segnale di disponibilità alla mafia togliendo centinaia di boss dal carcere duro | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

La verità viene a galla

Per Martelli, nel ’92 lo Stato diede un segnale di disponibilità alla mafia togliendo centinaia di boss dal carcere duro

6 Giugno 2017

“Credo che la verità intera sul piano politico sia stata spalancata dalle dichiarazioni dell’ex Ministro della Giustizia Giovanni Conso che mi succedette. Disse ‘volevamo dare un segnale di disponibilità all’ala moderata di Cosa nostra di Provenzano per fermare nuove stragi e per questo sono stati tolti dal 41 bis alcune centinaia di mafiosi‘. Questo è stato un cedimento da parte dello Stato, giustificato dal timore di nuove stragi”.

Lo ha detto l’ex Ministro della Giustizia Claudio Martelli a Villa Filippina a Palermo in occasione dell’incontro dal titolo “La verità di Falcone. Non più segreti gli atti del Csm”.

“Ma questo fu un errore politico – aggiunge – perché non si dà a Cosa nostra la sensazione di avere paura. Tutto questo non bloccò le stragi che furono invece esportate a Firenze, Milano e Roma. Riina intercettato disse ‘bisogna dare un altro colpettino’. Insomma fu una strategia politica fallimentare” afferma ancora Martelli.

“La decretazione degli atti del Csm è enormemente importante, questi atti sono in rete. Ciascuno può leggere le parole di Falcone e farsi un’idea di lui come investigatore. Ma soprattutto si può capire la sua onestà intellettuale quando rifiuta di usare dichiarazioni di pentiti per generare indagini clamorose, pensando che quelle dichiarazioni non fossero fondate”, conclude Martelli.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.