Perché la mimosa è il fiore simbolo della donna? | ilSicilia.it :ilSicilia.it

L'8 marzo con qualche curiosità

Perché la mimosa è il fiore simbolo della donna?

di
8 Marzo 2019

L’8 marzo si festeggia la donna, che dovrebbe esserlo, così come l’uomo, 365 giorni l’anno e non solo in questo. Noi abbiamo deciso di farlo raccontandovi la Mimosa, originaria dell’isola di Tasmania in Australia e importata in Europa all’inizio del XIX secolo, i cui fiori gialli, color del sole, vivaci e gioiosi, raggruppati in grappoli, sono diventati il simbolo della Giornata Internazionale della Donna perché incarnazione di forza e femminilità, innocenza e libertà, pudore e sensibilità. Il motivo per cui fu scelta è legato, anche, al suo crescere spontaneamente e, quindi, al suo essere economico che permette a tutti di comprarla e regalarla. La sua capacità di fiorire anche in terreni difficili, inoltre, viene associata alla resilienza delle donne, alla capacità di rialzarsi dopo ogni difficoltà, di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di autoripararsi dopo un danno. Insomma, la resilienza, la mimosa e la sua personificazione umana, la donna, sono il vero segreto della felicità. Già vedo gli amati uomini sorridere ironici per quest’ultima affermazione, ma vi stupiremo dedicandovi il cocktail mimosa che è un omaggio che vogliamo fare a voi, l’altra metà della mela. Per chi non amasse le mimose, ci sono altri fiori che hanno un bellissimo significato e vogliamo proporvi come opzioni:

  • La Gardenia, simbolo di sincerità. Acquistandola per la festa della donna aiuterete l’AISM, la ricerca contro sclerosi multipla.
  • L’Ortensia, anche con questo meraviglioso fiore, per la festa della donna, aiuterete l’AISM. Da regalare per rivelare il vostro amore o un ritorno di fiamma.
  • L’Azalea, da regalare a tutte le donne che sono anche mamme o che lo stanno per diventare, in quanto simboleggia femminilità e amore puro.
  • La Camelia bianca, da regalare a chi vogliamo far sapere che è “adorabile”.
  • La Dalia, scenografica e colorata, da regalare a donne raffinate e con molto buon gusto per cui proviamo grande ammirazione.
  • Il Giglio, se scegliete quello rosa date un chiaro messaggio perché il suo significato è quello di vanità, quindi attenti.
  • Il Girasole, che è come regalare un raggio di sole, allegria e vivacità. Simboleggia gratitudine, rispetto, ammirazione e desiderio legato al suo movimento che vuol significare che si ha l’esigenza di trascorrere del tempo con la persona amata.
  • La Magnolia che, con i suoi profumatissimi fiori, è simbolo di nobiltà.
  • La Margherita, simbolo di amore e, anche, di purezza e ingenuità.
  • L’Orchidea, romantica e delicata, rappresentante di amore e passione.
  • La Primula, fiore della primavera, regalarla vuol dire che la donna che lo riceve resterà, per voi, per sempre giovane grazie al suo splendido sorriso.
  • Il Tulipano, economico e colorato, perfetto a chi vuole dichiarare il proprio amore.
  • La Rosa, buona per ogni occasione, ma fate attenzione a scegliere il colore giusto.
mimosa

Adesso per far brindare uomini e donne, insieme appassionatamente, eccovi uno dei cocktail più famosi al mondo, il cocktail Mimosa, a cui abbiamo già accennato. La storia è suggestiva: in due città diverse, sono stati creati due drink con gli stessi ingredienti, ma con proporzioni differenti: il Buck’s Fizz, dal nome del club londinese che gli ha dato i natali nel lontano 1921 e il Mimosa vero e proprio, inventato da un barman del Ritz Hotel di Parigi nel 1925. Il suo nome  dipende dal colore giallo. Secondo gli americani questo è il drink perfetto per accompagnare il brunch della domenica, d’altronde essendo a base di arancia è perfetto per questi pasti a metà tra una ricca colazione e un pranzo; consigliato anche come aperitivo frizzante e per ogni occasione in cui volete far festa. La ricetta è veloce e facile, bastano solo 3 minuti. Non ci credete? Provare per credere, anzi per bere.

Ingredienti:

  • 7 cl di champagne o prosecco
  • 7 di cl di succo di succo d’arancia
  • scorza di arancia come decorazione

Procedimento:
1. In una  flûte versate il succo o la spremuta di arancia.

2. Aggiungete lentamente lo champagne e mescolate piano.

3. Decorate con scorza d’arancia.

Chiudo con una frase di Oscar Wilde: “Mi piacciono gli uomini che hanno futuro e le donne che hanno un passato“. Prosit.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin