"Perché parlavo da solo": a Palermo Paolo Bonolis presenta il nuovo libro | LE FOTO | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

il romanzo del popolare conduttore romano

“Perché parlavo da solo”: a Palermo Paolo Bonolis presenta il nuovo libro | LE FOTO

12 Novembre 2019
dav
dav
dav

Scorri le foto in alto

Bagno di folla al Rouge et Noir di Palermo, dove Paolo Bonolis ha presentato “Perché parlavo da solo”, il suo nuovo romanzo: qui per la prima volta l’autore romano abbandona il piccolo schermo, e quindi le vesti del popolare conduttore, per mostrare quelle più intime.

“Questo libro è stata un’esperienza molto particolare; – ha commentato Bonolis – Parlare è una cosa, scrivere, trovare le parole giuste per descrivere emozioni e situazioni è un’altra”.

“Perché parlavo da solo” è un tesoro inedito, da sfogliare e leggere senza pretese, in cui l’autore capitolo dopo capitolo prova a spiegare chi è. Edito da Rizzoli e in libreria dal 1°ottobre, si tratta di un diario fatto di ironia, ricordi di episodi e personaggi, pensieri rielaborati ad alta voce e messi nero su bianco; un insieme di ragionamenti sulla televisione, sull’uomo che “è l’animale con la spocchia sviluppatasi in millenni di presunzione”, sulla vita nelle sue molteplici sfumature, un incontro sincero dell’autore con se stesso, e animato da un inconfondibile e affilato cinismo, che Bonolis definisce come il colesterolo: “c’è quello buono e quello cattivo. Quello cattivo ti porta all’indifferenza, quello buono alla leggerezza”.

Ed ancora: “La vita è uno stato mentale. Il valore delle cose è dato dalla fatica che metti per ottenerle. In questo libro c’è tutta la volontà di leggerezza, la stessa con cui ho sempre cercato di fare le cose. E vorrei che lo stesso facessero i miei figli, seguendo i loro i sogni, e diffidando delle illusioni.”

Sulla scia di questa leggerezza, tante le persone presenti al firma copie che in questi giorni ha fatto tappa presso le principali città italiane; tra fragorose risate, aneddoti e spunti di riflessione fuori dalle maglie dell’ovvietà, a discutere di “Perché parlavo da solo” con Paolo Bonolis, il giornalista e critico televisivo Antonio Dipollina.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Che Vuoi che Sia?

Basta che uno di questi missili venga lanciato “per errore”, che questi giocatori di Risiko non da tavolo, ma con le vite altrui, sbaglino ………. e un missile giunga su di noi, “finiu u cinema”!