"Perftoran": a Palermo una mostra contro la speculazione sul vaccino anti-Covid | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

all'interno di Spazio Rivoluzione

“Perftoran”: a Palermo una mostra contro la speculazione sul vaccino anti-Covid | VIDEO

di
16 Ottobre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Tra sovversione, archivistica e critica sociale, Petr Davydtchenko, artista russo di fama internazionale, ha presentato ieri a Palermo “Perftoran”.

Una denuncia politica mirata a scuotere le nostre coscienze da un imprudente stato di torpore nell’era del Covid-19, dove la salute della popolazione mondiale è nelle mani delle multinazionali guidate dal profitto.

PERFTORAN

La video installazione, curata da Adalberto Abbate all’interno di Spazio Rivoluzione, porta infatti il nome del sangue artificiale brevettato alla fine degli anni ’70 da uno scienziato sovietico deceduto in circostanze misteriose. Sangue commercializzato in Russia a prezzi ingiustificatamente inaccessibili.

Lontano dagli ideali della cultura capitalistica e globalizzata, Davydtchenko propone un suo personale antidoto al virus che ha condizionato le nostre vite, affermando che il vaccino BAT funziona e che verrà prodotto in edizione limitata.

Ho creato un BAT vaccino dal BAT virus” – dichiara l’artista, il quale crede tanto nella sua cura da inviarlo addirittura al premier Conte perché: “voglio proporre la mia collaborazione al governo italiano, perché ho visto come il paese sia stato duramente colpito dal virus. Quello che propongo è un vaccino che sia conveniente per tutti ed aiuti le persone”.

Perftoran diventa così simbolo malato di un’epidemia difficile da domare e di un’abietta speculazione politica e finanziaria guidata dagli spietati interessi commerciali dalle grandi case farmaceutiche attorno al nuovo vaccino per la SARS-CoV 2.

IL CURATORE

spazio rivoluzioneSpazio Rivoluzione cerca di riportare l’attenzione sul problema dei vaccini, sulla produzione e distribuzione, ma soprattuto chiede più chiarezza allo Stato Italiano”, dichiara Adalberto Abbate.

L’artista vuole sensibilizzare l’opinione pubblica spingendola a cercare, scavare e capire bene quali sono le trattative con le lobby farmaceutiche che, in questo momento, possono controllare sia il prezzo del vaccino che le reazioni e i danni collaterali che il farmaco può causare, studiando la possibilità di non pagarne i danni”, spiega il curatore.

 LA SITUAZIONE

Secondo documenti ottenuti dal Corporate Europe Observatory e rivelazioni di Reuters, le aziende farmaceutiche sembrerebbero aver ottenuto dalle istituzioni europee  la rinuncia a procedure di acquisto trasparenti per l’equo accesso ai farmaci per il Coronavirus.

Questo permetterebbe di istituire negoziati segreti che non consentono a un Paese di conoscere il prezzo a cui gli altri compreranno futuri trattamenti e vaccini.

Finora la Commissione Europea ha firmato due contratti, uno dei quali con l’azienda AstraZeneca, titolare del vaccino sviluppato a Oxford, la quale, inoltre,  non sarà responsabile, o solo in parte, dei danni causati da effetti avversi dal farmaco proprio perché in fase sperimentale.

LA MOSTRA

Perftoran sarà fruibile tutti i giovedì dalle 18:00 alle 20:00, sino al 15 novembre 2020,  all’interno di Spazio Rivoluzione (piazza Rivoluzione 9 a Palermo).

GUARDA LA GALLERY IN BASSO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.