Pesca di frodo: sequestrato carico di neonata e ricci nel Palermitano :ilSicilia.it
Palermo

Ecco i risultati dell'operazione delle Fiamme Gialle

Pesca di frodo: sequestrato carico di neonata e ricci nel Palermitano

30 Gennaio 2020

I militari della stazione navale della guardia di finanza di Palermo hanno sequestrato quasi trenta i chili di novellame di sarda e 1200 esemplari di ricci di mare a seguito di un piano di interventi nelle zone più interessate alla pesca di frodo ed alla vendita illecita delle risorse ittiche.

Il novellame di sarda è stato giudicato idoneo al consumo alimentare umano dall’Asp di Palermo e, pertanto, ceduto a più associazioni caritatevoli del capoluogo.

Il carico di ricci vivi, il quale superava il limite di cinquanta esemplari per persona, invece, è stato rigettato in mare.”L’azione di servizio delle fiamme gialle – spiegano dalla guardia di finanza – mira a tutelare gli interessi degli operatori del settore rispettosi delle norme che disciplinano la cattura ed il commercio delle risorse ittiche, fortemente penalizzati dalla concorrenza sleale dei pescatori di frodo e della politica dei prezzi non più rispondente al mercato. Inoltre l’operazione della guardia di finanza costituisce una salvaguardia del patrimonio ittico nazionale, considerato il fatto che sia la “neonata” che i ricci di mare sono altamente tutelati, in quanto la loro pesca è considerata una minaccia per la sopravvivenza dei principali stock di alcune specie ittiche ed entrambe sono fondamentali per il mantenimento dell’ecosistema marino“.

Le violazioni accertate hanno dato luogo a contestazioni amministrative per un totale di 8.500 euro, nonché al sequestro dell’attrezzatura utilizzata per pescare i ricci di mare.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona