Pesca, Tardino (Lega): "Norme vecchie la regolano nel canale di Sicilia" :ilSicilia.it

LA RICHIESTA DELL'EUROPARLAMENTARE

Pesca, Tardino (Lega): “Norme vecchie la regolano nel canale di Sicilia”

di
8 Aprile 2021

Annalisa Tardino, europarlamentare siciliana della Lega, ha inviato una lettera al ministro Stefano Patuanelli, con in copia il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e il suo assessore Antonino Scilla, per porre l’accento sulla situazione in cui versano le attività di pesca nel Canale di Sicilia, ricordando le legittime istanze di un settore “che ha, negli anni, fortemente contribuito al conseguimento degli obiettivi di conservazione delle risorse“.

LA LETTERA

Le norme che regolano la pesca nel Canale di Sicilia, che negli ultimi anni hanno penalizzato le marinerie dell’isola – scrive l’europarlamentare -, sono basate su dati scientifici vecchi di 10 anni. Occorre effettuare subito dei nuovi studi che possano fornire un quadro reale della situazione attuale e sui quali fondare le proposte per un necessario aggiornamento della normativa“.

Le nostre marinerie, prima colpite da provvedimenti normativi internazionali ed europei svantaggiosi e poi, da oltre un anno, alle prese con le conseguenze della pandemia – aggiunge -, che hanno particolarmente colpito la piccola pesca e il segmento dello strascico, stanno attraversando un momento di estrema difficoltà“.

In attesa di intervenire sul quadro normativo, è anche necessario mettere in campo provvedimenti derogatori, progetti e iniziative a titolo di ristoro e indennizzo per compensare i danni subiti dal comparto“, spiega Tardino.

Dall’entrata in vigore del Regolamento Ue 2019/982 del 5 giugno 2019, che ha recepito la Raccomandazione 39 del 2015 della Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo – scrive ancora nella sua missiva l’europarlamentare, componente in sede europea della Commissione per la Pesca – è stata di fatto bloccata l’attività di pesca delle marinerie che operano nel Canale di Sicilia, con gravi e onerose conseguenze per le nostre flotte, le imprese e le famiglie impegnate nel comparto“.

Nell’ottobre del 2019 mi ero fatta portavoce, insieme ad alcuni colleghi – ricorda –, della richiesta all’allora ministro Bellanova di provvedere ad una modifica migliorativa della stessa Raccomandazione. Purtroppo il tema non è stato positivamente affrontato e non è più tempo di aspettare“.

Ritengo pertanto opportuno che l’Italia commissioni nuovi studi scientifici al fine di valutare lo stato degli stock del Mediterraneo – conclude Tardino -: un atto secondo me dovuto e necessario nel quadro delle discussioni che interesseranno la CGPM sulla nuova strategia per il 2021-2025, a tutela della nostra economia e della sostenibilità ambientale“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin