Pesca, Ugl: "Contrari alla scelta Ue di un'ulteriore riduzione delle giornate di attività di cattura" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Pesca, Ugl: “Contrari alla scelta Ue di un’ulteriore riduzione delle giornate di attività di cattura”

di
10 Dicembre 2021

Le scelte comunitarie sulla politica comune della pesca nel Mediterraneo degli ultimi trent’anni hanno solo prodotto oltre il 50 per cento della demolizione della flotta e la rottamazione del 30 per cento del capitale umano, mortificando competenze, capacità, modalità di lavoro conquistare in decenni di attività di pesca delle marinerie italiane e siciliane in particolare”, a dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario Ugl Sicilia. 

Sono molteplici le minacce sugli stock ittici mediterranei indipendenti dall’attività di pesca – precisa Messina – come il bracconaggio sotto costa, la concorrenza delle flotte legali ed illegali extra Ue, il cambiamento climatico, l’inquinamento”.

La scelta di chiudere gli spazi di pesca per alcune specie bersaglio può essere condivisa solo se rispettata da tutte le flotte operanti nel Mediterraneo – chiarisce il Segretario Ugl Sicilia – ed il rischio di ridurre le giornate di pesca è concreto e potrebbe portare solo ad una ulteriore riduzione della flotta e non dello sforzo di pesca, determinando la conseguente chiusura definitiva dell’attività della pesca. L’effetto sarà quello di fare scomparire il settore senza ridurre lo sforzo di pesca”.

Chiediamo al governo regionale, in merito al tavolo di confronto sulla programmazione, di individuare risorse nel Pnrr, oltre a quelle del nuovo Feamp, per migliorare il settore nella pesca permettendo l’introduzione di nuove tecnologie, rivalutando il pescato, migliorando gli aspetti igienico sanitari ed evitando il triste e dannoso fenomeno del bracconaggio, uscendo dal miope criterio di rivalutazione dei dati sulle specie ittiche basato dal rapporto sforzo di pesca e cattura per evitare il rischio di vedere scomparire la flotta siciliana. Registriamo finalmente l’inversione di tendenza che serviva al settore della pesca – conclude Messina – perché l’azione politica del governo regionale e dell’assessore Scilla, ha già prodotto il cambio di marcia che serve per modificare l’atteggiamento a Bruxelles, necessario a porre fine alle scelte scellerate che hanno solo danneggiato l’economia ittica senza ridurre in alcun modo lo sforza di pesca”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.