Pesca, Ugl: "Da Ue tavolo per accordo di pace e cooperazione nel Mediterraneo" :ilSicilia.it

la richiesta del sindacato

Pesca, Ugl: “Da Ue tavolo per accordo di pace e cooperazione nel Mediterraneo”

di
12 Giugno 2021

Ugl ha sostenuto l’iniziativa dell’Alleanza Cooperative Italiane perché gli interessi generali della garanzia del lavoro e della produzione per i pescatori, le imprese e cooperative di pesca e gli autonomi del settore devono prevalere sugli interessi di parte.

Alla manifestazione nazionale, in concomitanza a Venezia e Mazara del Vallo, l’Ugl ha portato la voce dei pescatori siciliani chiedendo all’Unione Europea di cambiare totalmente atteggiamento verso la politica della pesca nel Mediterraneo ed un tavolo tra tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo per firmare, dopo oltre mezzo secolo di “guerra del pesce”, un accordo di pace e cooperazione con regole di conservazione e accesso comuni.

“A Roma chiediamo di approvare celermente la legge sulla istituzione della Zona Economica Esclusiva e l’introduzione dell’ammortizzatore sociale ordinario anche per i pescatori. L’Ugl prosegue l’azione a sostegno dei pescatori ed a tutela della dignità e del lavoro”, dichiara Giuseppe Messina a margine della manifestazione nazionale a Mazara del Vallo dell’Alleanza delle Cooperative Italiane dal titolo #salviamolapesca.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin