Pesca, Ugl: "Dopo il lockdown, fermo obbligatorio inutile e penalizzante" :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti

A dirlo Giuseppe Messina

Pesca, Ugl: “Dopo il lockdown, fermo obbligatorio inutile e penalizzante”

di
12 Agosto 2020

Fermare per trenta giorni consecutivi le imprese di pesca con l’interruzione temporanea obbligatoria dell’attività di pesca è una scelta incomprensibile e che doveva essere evitata”. A dirlo Giuseppe Messina, Segretario Ugl Sicilia.

“Dopo quasi tre mesi di blocco delle attività di pesca per effetto delle restrizioni introdotte a livello nazionale e regionale per contenere la diffusione del coronavirus – aggiunge – la misura di riequilibrio biologico ha il sapore della beffa e l’obbligo di fermarsi per le imprese di pesca e gli equipaggi è una forzatura inutile che danneggia ancora una volta le regioni del Sud e la Sicilia in particolare.

 Nell’anno dell’emergenza pandemica il governo nazionale avrebbe dovuto rivedere il fermo obbligatorio delle attività di pesca evitando ulteriori restrizioni – chiarisce Messina – ed invece la scelta di introdurre il decreto ordinario di interruzione delle attività di pesca in una fase di grande emergenza sanitaria, economica e sociale è quanto di più sbagliato si sia potuto fare. Ancora una volta si è persa una grande occasione per aiutare le imprese di pesca e gli equipaggi a riprendersi le fette di mercato perse durante il lockdown e tornare a fatturare – conclude il sindacalista – dato che il settore registra aiuti pubblici insufficienti alla ripresa produttiva rispetto al sostegno promesso ed invece il mercato è lasciato nelle mani delle grandi società di importazione del Nord che potranno mantenere se non addirittura incrementare la presenza nei mercati di consumo del prodotto ittico”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti