Pescatori mazaresi sequestrati in Libia, Conte alzi la voce :ilSicilia.it

La riflessione di Elio Sanfilippo

Pescatori mazaresi sequestrati in Libia, Conte alzi la voce

di
15 Dicembre 2020

La situazione dei 18 pescatori mazaresi comincia ad essere preoccupante.

Dopo più di tre mesi dell’avvenuto arresto non si intravede ancora alcuno spiraglio per la loro liberazione.

Non è la prima volta che  pescherecci ed equipaggi sono sequestrati per presunte violazioni delle acque territoriali che i paesi rivieraschi si sono arbitrariamente assegnate, ma è la prima volta che un sequestro dura così a lungo, mentre in precedenza si era sempre concluso nel giro di pochi giorni o di qualche settimana.

La spiegazione di questa diversità, probabilmente, dipende dal fatto che in occasione di altri sequestri  il governo italiano trattava con degli Stati, mentre in questo caso non siamo in presenza di uno Stato, ma di bande tribali che si contendono  il dominio di un territorio che una volta si chiamava Libia, una delle quali, comandata dal generale Khalifa Haftar, è stata l’autore dell’arresto dei nostri pescatori.

Tutto questo è avvenuto per la sciagurata iniziativa della Francia di Sarkozy che ha destabilizzato quel paese, favorendo l’eliminazione del presidente Gheddafi che, dopo una fase di complicità con il terrorismo, si era convertito a una politica di equilibrio e di amicizia con l’Occidente, oltre ad assicurare un equilibrio nella precaria situazione del Medio Oriente.

Gheddafi  aveva ristabilito, in particolare, ottimi rapporti con l’Italia nonostante i precedenti burrascosi. Chi non ricorda i missili lanciati contro Lampedusa… Questo rapporto di amicizia, anche sul piano personale con il presidente del consiglio di allora, Silvio Berlusconi, con le conseguenti e proficue ricadute economiche, dava fastidio ai francesi che, tolto di mezzo Gheddafi, si proponevano di sostituire la presenza italiana in Libia.

Oggi la Libia è in pieno caos con un sedicente governo di unità nazionale, presieduto da Al Sarraj e riconosciuto formalmente dalle autorità internazionali. Che, però, non è riuscito a unificare il paese, mentre il suo rivale Haftar, spalleggiato da Francia e Russia, continua a conquistare nuove porzioni di territorio.

Ecco perché alla luce di queste considerazioni il sequestro del natante e l’arresto dei pescatori, non effettuato da milizie del governo legittimo, si presenta come un atto di pirateria.

In questo contesto non dubitiamo che il governo italiano sia impegnato a risolvere questa grave situazione e forse il silenzio richiesto era giustificato per favorire la soluzione del problema, ma dopo questo lungo periodo di detenzione  forse è giunta l’ora di alzare la voce per porre fine a questa intollerabile situazione.

D’altronde il Premier Conte dovrebbe vantare buoni rapporti con Haftar per averlo ricevuto a Palazzo Chigi nel tentativo, in verità fallito, di raggiungere un accordo con Al Sarraj.

Dalle  poche notizie che trapelano pare che il sequestro abbia avuto lo scopo di ricattare il governo italiano nel richiedere uno scambio tra i pescatori e alcuni scafisti arrestati dalle autorità italiane, confermando così un rapporto stretto tra le milizie libiche e i mercanti di essere umani.

In ogni caso è tempo di attivare tutti gli strumenti, le relazioni dell’Italia con gli altri paesi arabi. l’intervento dell’ONU e dell’Unione Europea, chiedere l’aiuto di Usa e Russia, al fine del rilascio immediato dei nostri pescatori  che finora non sono accusati formalmente di niente, né si parla di processo.

Il vescovo di Mazara, Monsignor Mogavero, che è stato molto vicino alle famiglie dei pescatori, in un momento così difficile, ha perfino invocato, per porre fine a questa scandalosa situazione, l’invio dei corpi speciali.

A tal proposito vi è un precedente storico, allorché  le Brigate Rosse nel gennaio del 1982 sequestrarono il comandante della Nato in Italia, il generale James Dozier.

Dopo infruttuose trattative e più di quaranta giorni di prigionia , il presidente del Consiglio di allora, il repubblicano Giovanni Spadolini, fece intervenire i NOCS, un gruppo speciale della polizia di Stato, che irruppero nel covo dei brigatisti, liberarono il generale senza alcun spargimento di sangue, nonostante un brigatista tenesse una pistola puntata sulle tempie dell’ostaggio.

La brillante operazione ricevette anche i complimenti del presidente americano Ronald Regan, da poco insediatosi alla Casa Bianca.

Appare, però, improbabile che il governo italiano sia in grado di ripetere quella esperienza, che aveva il vantaggio fondamentale di svolgersi nel territorio italiano.

La proposta di monsignore Mogavero è tuttavia indicativa dell’esasperazione che i familiari e quella comunità stanno vivendo.
È tempo, invece, di organizzare una grande mobilitazione  popolare, far diventare questa vicenda un caso nazionale e internazionale per costringere i rapitori a liberare gli ostaggi .

Il presidente della Regione, a parte l’encomiabile e concreto atto di solidarietà verso le famiglie dei pescatori, farebbe bene, se non l’ha giàfatto, ad andare a Roma,  recarsi dal ministero degli Esteri, informarsi, con la dovuta riservatezza, su come stano realmente le cose, e vedere in che modo la Regione siciliana può dare il suo contributo  per far tornare a casa i nostri concittadini.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin