Pescatori rapiti in Libia, Di Maio: "I negoziati richiedono sempre tempo" :ilSicilia.it

LE PAROLE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI

Pescatori rapiti in Libia, Di Maio: “I negoziati richiedono sempre tempo”

di
30 Novembre 2020

L’Italia riporta sempre a casa gli italiani, solo quest’anno 7 persone che erano state rapite sono tornate e la Farnesina e l’intelligence stanno facendo di tutto per riportare a casa il prima possibile i pescatori di Mazara del Vallo“.

Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, intervenendo a Settestorie, in onda questa sera, rispondendo ad una domanda sui 18 pescatori in stato di fermo in Libia, 8 dei quali italiani.

Sono entrati in acque – ha detto il ministro – in cui sconsigliamo da sempre di entrare, e questo lo dico perché si sappia, non bisogna entrare nelle acque protette“.

L’Italia, ha aggiunto Di Maio, “non è sotto ricatto ma i negoziati richiedono sempre tempo, sappiamo come stanno, abbiamo organizzato una telefonata con i familiari nel corso della quale loro stessi hanno detto di stare bene, non sono in un carcere, sono in un centro, sappiamo anche cosa mangiano ogni giorno, abbiamo intrapreso tutte le azioni internazionali per portarli a casa il prima possibile“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin